Corrieri SDA in sciopero: a rischio le consegne del Natale

I lavoratori del corriere SDA sono in sciopero. Chiedono l'assunzione per tutti, il rispetto del contratto nazionale e nuove assunzioni

Lavoratori in sciopero

Non c’è pace per i corrieri della sede SDA di Gazzada Schianno. Da questa mattina, lunedì 30 novembre, sono di nuovo in sciopero. Le ragioni sono legate a un contratto che stenta ad arrivare ma anche alle condizioni sempre più pesanti di lavoro.

Nell’ultimo anno ci sono state novità sul piano societario: SDA, il corriere nazionale, ha raggiunto un accordo con due cooperative (inizialmente tre) subentrare al gestore precedente. Da cooperative sono poi diventate aziende, la Totalservice e la Mo.Ga. In questo passaggio, si è giunti a un’intesa con il sindacato per la stabilizzazione di tutti e 70 i lavoratori entro la fine di quest’anno. Il problema, però, è che c’è ancora promiscuità, con lavoratori contrattualizzati e lavoratori da stabilizzare: « Dobbiamo approfittare di questo momento, in cui il lavoro si impenna – spiega Pippo Gullo – Noi da qui non ci muoveremo finché non vedremo messo nero su bianco tutto ciò che chiediamo. Dall’applicazione del contratto nazionale di lavoro, al pagamento degli arretrati maturati negli anni, a una miglior organizzazione perché siamo decisamente sotto organico».

Le richieste sono ormai da tempo oggetto di contrattazione con tra aziende , SDA e sindacato: « Abbiamo avuto anche un incontro a Roma ma senza ottenere risultati – spiega il delegato della Filt Cgil di Varese Pietro De Carlo -. Ora abbiamo chiesto il coinvolgimento del Prefetto e attendiamo la convocazione: le aziende sono due e fanno la stessa attività. I lavoratori rivendicano uguali condizioni lavorative con il rispetto delle regole».

La storia di questa filiale, che per volume di traffico è tra le principali della provincia, è da tempo travagliata. Le rimostranze dei lavoratori sono  cicliche: «Questa volta non ci muoveremo – commenta Gullo – non ci basteranno assicurazioni o promesse, vogliamo vedere nero su bianco la risposta alle richieste. Se lasciamo passare il Natale, rischiamo di non ottenere nulla».

di
Pubblicato il 30 novembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Vi appoggio completamente. L’ingresso nel mercato di vendita dei giganti come Amazon et simila ha reso ancora più spietata la competizione, i ritmi, gli standard qualitativi nel vostro lavoro. Qui non si tratta più di lavorare ma ogni giorno di combattere una guerra.
    Qui pur di vendere una maglietta a 50 centesimi in meno fanno la cresta sull’ultimo anello della catena di vendita: il corriere.

  2. Scritto da massimiliano_buzzi

    una volta tanto mi sento di concordare con l’altro utente. con la precisazione che l’anello debole finale della catena non è tanto il corriere inteso quale azienda od organizzazione ma il padroncino, quello che fisicamente consegna il pacco. e non è un problema che si verifica solo al interno di sda ma è così molto spesso anche nelle file degli altri principali vettori che operano in italia.