Il comune “rimborsa” le tasse pagate per la casa prestata ai figli

E’ stato presentato in comune il bando per i contributi ai proprietari che danno gratutitamente in uso la casa a familiari di primo grado

eventi Varese

E’ stato presentato questa mattina, 30 novembre, in comune a Varese il bando per i contributi ai proprietari che danno gratutitamente in uso la casa a familiari di primo grado: come il caso dei genitori con i figli.

Sono intervenuti gli assessori a Famiglia e Persona Enrico Angelini, alla Cultura e Personale Simone Longhini e al Bilancio Giuseppe Montalbetti, e i consiglieri comunali Fabio D’Aula e Domenico Battaglia

Si tratta di una iniziativa di carattere straordinario che prevede “un contributo volto ad agevolare i proprietari di immobili concessi in comodato d’uso gratuito a parenti di primo grado”, e il cui avviso sarà pubblicato dal 15 dicembre 2015 al 29 febbraio 2016.

Le risorse destinate al finanziamento  sono pari a 60.000 euro, e sono in grado di coprire circa 250-300 richieste, pooichè la cifra massima che verrà oerogata a ciascuno è di circa 250 euro. La ripartizione delle risorse comunali disponibili avverrà in relazione alle domande ammissibili che verranno presentate e fino all’ esaurimento fondi.

«E’ un’iniziativa elaborata a più mani – ha detto l ’assessore alla famiglia Enrico Angelini – nata in consiglio comunale e recepita dalla giunta. I contributi vanno alle famiglie che non danno in locazione l’affitto ad estranei, ma a familiari, tramite il comodato d’uso gratuito. Quindi si tratta di immobili che non producono ricchezza ma su cui si deve comunque pagare le tasse. E’ giusto porre una forma di contribuzione, in base all’Isee. La modalità con cui si è lavorato è un ottimo esempio di collaborazione tra consiglio comunale e giunta nell’interesse dei cittadini».

«Il provvedimento – ha precisato l’assessore Simone Longhini – è frutto dell’esigenza della cittadinanza. La cifra è significativa, sono a disposizione 60mila euro: l’agevolazione va verso le famiglie e le giovani coppie. L’auspicio è che ci sia una buona affluenza: l’amministrazione comunale può fare iniziative concrete per tutta la comunità».

Il consigliere Fabio D’Aula ha ringraziato gli assessori. «E’ un progetto che nasce da un’esigenza – ha spiegato – . Oggi la fiscalità sugli immobili cresce per richiesta del Governo centrale. Per attenuarla abbiamo pensato a contributi per chi ha più bisogno, con una maggiore equità sociale».

«Siamo anche precursori sui tempi – ha aggiunto Domenico Battaglia – Vediamo se qualche disposizione del genere sarà inserita come emendamento alla legge di stabilità anche a livello nazionale».

Infine l’assessore Giuseppe Montalbetti ha ricordato che agevolazioni simili saranno adottate anche per gli affitti a canone concordato. «Vedremo anche le novità normative del Governo, ma noi cerchiamo intanto di essere vicini a situazioni patrimoniali che non sono fonte di ricchezza» ha concluso.

Nei prossimi giorni l’avviso sarà pubblicato sull’albo pretorio online.

TUTTE LE INDICAZIONI PER PARTECIPARE AL BANDO

Soggetti beneficiari e requisiti

I proprietari richiedenti devono attestare:
la propria residenza nel Comune di Varese da almeno 5 anni dalla data di presentazione della domanda; un ISEE non superiore ad € 35.000. L’ISEE è riferito alla situazione reddituale e patrimoniale dell’anno 2014 e sarà criterio primario per la creazione della graduatoria degli aventi diritto; che l’immobile sia sito nel Comune di Varese; che lo stesso sia dato in comodato d’uso gratuito a figli o parenti di primo grado.

Il proprietario dovrà addurre documentazione attestante la residenza del comodatario nell’alloggio da almeno 12 mesi. Infine occorre dimostrare la regolarità dei pagamenti delle imposte sugli immobili di proprietà nel Comune di Varese (IMU-ICI-TASI), riferiti ai precedenti 5 anni, o comunque da quando si possiedono gli immobili.

Può essere richiesto il contributo esclusivamente per un immobile di proprietà e da parte di un solo componente per ciascun nucleo familiare.

Entità ed erogazione del contributo

Ai proprietari beneficiari è destinato un contributo fisso una tantum, pari all’importo delle imposte sull’alloggio dato in comodato d’uso gratuito, e comunque fino ad un massimo di 250 euro. Il Comune procederà all’erogazione del contributo agli aventi diritto, secondo la graduatoria e fino ad esaurimento fondi.
Presentazione della domanda e dei moduli allegati

Può presentare domanda di contributo il proprietario dell’alloggio in comodato d’uso gratuito. Le domande devono essere presentate a partire dal 15 dicembre 2015 fino al 29 febbraio 2016 alla sede dei Servizi alla persona, ufficio alloggi, via Orrigoni n. 5, Varese.

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in forma cartacea compilando l’apposito modulo di domanda, disponibile presso gli uffici sopra indicati o sul sito internet comunale, e dovrà essere corredata da tutti gli allegati richiesti (nei prossimi giorni, dopo la pubblicazione, saranno disponibili)

Criteri di assegnazione del contributo

Per l’erogazione del contributo oggetto del presente avviso è prevista la predisposizione di una graduatoria costituita in base al parametro ISEE: la priorità per il contributo sarà determinata dall’ indicatore ISEE più basso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 novembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore