Andrea Calò riconfermato segretario dei Giovani Dem

Il segretario uscente resterà in carica fino al 2018. L'obiettivo dei giovani è quello di aiutare il Pd a vincere le prossime amministrative

andrea calò giovani democratici congresso

Domenica 14 febbraio si è tenuto il congresso dei Giovani Democratici della Provincia di Varese. La riunione, molto partecipata, ha visto la presenza dei due candidati alla segreteria nazionale GD, Dario Costantino e Mattia Zunino, nonché il segretario regionale uscente e candidato unico Roberto Gazzonis. Confermato al vertice provinciale dell’organizzazione Andrea Calò che saprà dare continuità ai circoli in vista dell’importante appuntamento elettorale.

Dario Costantino ha lanciato una provocazione: «Voglio una giovanile modello ‘Greenpeace’ che sappia, cioè, attirare ragazze e ragazzi anche da fuori dal mondo politico e dialogare con varie realtà. Le parole d’ordine devono essere ideale e azione: i GD devono poter fare riferimento ai propri ideali, individuano obiettivi da tradurre, poi, in concrete azioni politiche».

«Il nostro programma lo fanno gli iscritti – ha replicato Zunino – e questo è il nostro punto di forza. Candidarsi è un onore e un onere, la giovanile deve essere declinata al plurale e non al singolare. Serve un bagno di umiltà: se i nostri coetanei non ci comprendono siamo noi che ci dobbiamo attrezzare per essere più chiari e trasmettere le nostre idee in modo comprensibile».

E’ intervenuto, quindi, il segretario provinciale uscente, Andrea Calò: «La mia ricandidatura va nella direzione di garantire continuità in un momento delicato ma avvincente come quello che ci attende, con le sfide amministrative nelle tre più grandi città della Provincia alle porte». Secondo Calò il percorso intrapreso finora «ha portato i Giovani Democratici a crescere non solo a livello numerico ma anche partecipativo fino al punto di diventare la forza politica giovanile più attiva e attrattiva. Il nostro obiettivo è convincere della bontà e validità delle nostre idee, vincendo le elezioni. Questo ci contraddistingue dai Giovani Padani, impegnati in campagne propagandistiche e conservatrici. Il ruolo di una giovanile deve essere quello di stimolare continuamente con spirito critico il lavoro del proprio partito, contribuendo con proposte, non quello di difendere ad ogni costo amministrazioni che stanno stancamente e malamente portando a termine il proprio mandato».

Il congresso si è concluso con la riconferma all’unanimità del segretario uscente e unico candidato. Alla mattinata politica dei giovani hanno preso parte anche il segretario provinciale PD Samuele Astuti e la senatrice bustocca Erica D’Adda.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 14 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.