L’Istituto Antonioni rinnova il consiglio di amministrazione

Gianni Canova, Steve della Casa e Paola Poli entrano nell'amministrazione dell'istituto cinematografico di via Magenta. Confermati gli altri membri del Cda

Il restauro di Villa Calcaterra (inserita in galleria)

L’Assemblea dei soci della Fondazione Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni  ha rinnovato giovedì 18 febbraio il proprio Consiglio di Amministrazione, chiamando nel board dell’ICMA personaggi del calibro del Professor Gianni Canova, giornalista, critico cinematografico e Preside della Facoltà di Comunicazione dell’Università IULM,  Steve della Casa, giornalista e Direttore Artistico del BA Film Festival e Paola Poli, produttrice.

Tre nomi che nelle intenzioni dei soci dell’Assemblea costituiscono  un punto di svolta dell’Accademia, pronta per la sfida di un’ulteriore crescita dopo otto anni di operatività, con l’obiettivo di rendere le proprie attività sempre più importanti a livello nazionale, attraverso progetti e occasioni culturali di grande livello che costituiscano una conferma del ruolo di realtà centrale, come dimostrato dall’apprezzamento di allievi provenienti da tutta Italia.

Proprio per sottolineare il ruolo centrale di un territorio che vuole far crescere la propria vocazione di eccellenza nazionale, anche il Sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli é stato invitato ad entrare a far parte del CdA; Farioli, sottolineando che non é comunque al momento presente alcuna incompatibilità, ha accettato chiedendo però  per il suo ingresso formale di attendere il termine del suo attuale incarico istituzionale, dopo le elezioni prossime venture.

Confermati nel CdA il Presidente Avv. Alessandro Munari, il Vice Presidente Luigi Chierichetti, il Direttore Andrea W. Castellanza, Daniela Bramati (editrice de La Prealpina), Gabriele Tosi, Emilio Bottini e Marco Crepaldi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.