Arte e design, una mostra dedicata ai progetti falliti

L’insolito tema scelto per un’esposizione a Cascina Cuccagna. L’esposizione comprende pezzi unici di maestri da Zanuso a Sottsass, e di prestigiosi brand come Alessi e Kartell

Avarie
Foto varie

Non tutte le ciambelle escono col buco, dicevano le nonne, un concetto che riguarda anche l’arte o la creatività o entrambe in quella disciplina che vuole mettere a punto un oggetto destinato ad avere un’utilità.
Per questo spicca la mostra che si terrà a Milano, alla cascina Cuccagna, dedicata proprio al fallimento di alcune progettazioni di design.

Le antiche stanze di Cascina Cuccagna, oggi rinnovate e rese quanto mai suggestive grazie al recente restauro conservativo, ospitano Failures, il progetto curato da Raumplan e ACCC per il Fuorisalone 2016. Gli oltre 4000 mq dell’antica corte agricola situata a pochi passi da Porta Romana diventano teatro di un ampio percorso espositivo dedicato all’insolito tema del fallimento nell’arte e nel design: storie di progetti falliti, atti mancati, anelli che non tengono. Storie di errori da cui sono scaturite buone intuizioni o preziosi input per nuove direzioni di ricerca.
Failures racconta il dietro le quinte del mondo del design: un itinerario attraverso gli imprevedibili sentieri del progetto, passando per prototipi e pezzi unici, celebri flop e autoproduzioni di avanguardia.

FAILURES. LA MOSTRA PRINCIPALE – Collocata nella sala principale del primo piano della Cascina (denominata
Galleria), l’esposizione comprende pezzi unici di maestri come Aldo Rossi, Alessandro Mendini, Ettore Sottsass, Marco Zanuso e Richard Sapper, grazie alla partecipazione delle istituzioni museali di prestigiosi brand come Alessi e Kartell.
Oltre a questi, noti designer contemporanei come Riccardo Blumer e Franceso Faccin raccontano il loro approccio alla progettazione, esponendo prototipi che illustrano le diverse fasi dei loro processi di ricerca.

Il fallimento è una chiave per indagare i percorsi solitamente nascosti della progettazione: se la logica del successo tende a censurare errori e cambi di rotta, esporre il fallimento significa riportare al centro dell’attenzione il processo, perché è nel processo che designer e produttori creano vero valore aggiunto.

TRIALS. LA COLLETTIVA  – Accanto alla mostra principale, la sala Capriate ospita la mostra collettiva.
Quest’area è la più libera ed eterogenea: una selezione di giovani designer che propongono prototipi e autoproduzioni d’avanguardia, mettendo in scena la quotidianità del lavoro del progettista, tra ricerca e contaminazione. I trials sono le “prove libere” in cui i designer si lasciano alle spalle l’imperativo del successo a breve termine per tentare sperimentazioni più rischiose e produrre innovazione.

VENTURES – Gli altri spazi di Cascina Cuccagna sono destinati a professionisti, studi di progettazionee aziende: realtà che creano valore attraverso la ricerca e l’innovazione. Abbiamo chiesto agli espositori di interpretare il tema della mostra, raccontando i loro prodotti attraverso i processi di ideazione e produzione.

Failures
Process Beyond Success
Cascina Cuccagna — Fuorisalone 2016
8 / 17 Aprile in via Cuccagna 2-4, Milano

 

CASCINA CUCCAGNA

È una delle più antiche corti agricole di Milano: costruita nel 1695, si trova oggi immersa fra i palazzi in centro città, a pochi passi da Porta Romana. Nel 2012 il restauro conservativo ha restituito alla cittadinanza un autentico gioiello nascosto: più di 4000 mq dove prendono vita diverse attività culturali, mostre ed eventi. Negli ultimi anni la Cascina si è inoltre imposta come location del Fuorisalone.
Lo spazio comprende anche un ristorante, un bar, un ostello e un orto verde. Il Progetto Cuccagna è un’iniziativa di Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna (ACCC).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.