Filosofarti da record: “Superate le 14.000 persone”

I numeri dell'edizione hanno sorpreso anche l'organizzazione, anche per quanto riguarda il finanziamento del festival. Cristina Boracchi: "Tutto questo fa ben sperare per gli anni prossimi"

filosofarti

Filosofarti ha sempre insegnato che per la cultura moltissime persone sono ancora disposte a muoversi, ma il risultato di quest’ultima edizione ha sorpreso anche l’organizzazione. Complessivamente infatti sono stati oltre 11.000 le persone che hanno preso parte agli eventi del festival a cui poi vanno aggiunte i 3.600 studenti arrivati da tutta provincia per il calendario di attività a loro dedicato. Totale: 14.600 persone (almeno).

Un dato di presenze elevatissimo che non solo conferma il trend di successo degli ultimi 5 anni e supera ogni più rosea previsione, anche per quanto riguarda il sostentamento del festival. Se infatti i contributi economici arrivati dal Comune di Gallarate, dalla Fondazione Cariplo e da quella del varesotto hanno coperto circa un terzo delle spese totali del festival, è stata la generosità di chi ha preso parte agli eventi ad aver fatto il resto. Le donazioni dei privati, l’acquisto dei gadget, l’autosostegno delle realtà culturali che hanno partecipato e la preziosa collaborazione di sponsor come Yamamay hanno infatti permesso di coprire complessivamente i costi e questo fa ben sperare per le prossime edizioni.

«Quest’anno –commenta l’ideatrice e direttore artistico di Filosofarti, Cristina Boracchi – l’esito è stato di un’altissima qualità e di una grande unità di senso: si è sviluppato un percorso organico a livello culturale ma accessibile a tutti, in grado di intercettare diverse tipologie di pubblico, dall’amante della letteratura all’appassionato di filosofia. Ed essere riusciti ancora una volta a rispondere a un bisogno della popolazione ci rende molto fiduciosi di una possibile continuità dell’iniziativa e di una rinnovata fiducia del territorio interregionale alla manifestazione». Quest’anno poi il festival si è allargato anche ad altre realtà del territorio, dal Busto Arsizio Film Festival al Festival fotografico europeo passando anche per il centro di promozione della legalità della provincia di Varese.

Un festival che mai come quest’anno è stato social, con l’hashtag #Filosofarti2016 che è anche entrato nei top trend di twitter. VareseNews in collaborazione con il social team di Officina Contemporanea, la rete culturale di Gallarate, ha seguito in diretta il festival con un liveblog che potete consultare cliccando qui. Potete anche guardare il meglio del racconto sui social con lo storify realizzato da Officina Contemporanea cliccando qui.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 10 marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.