A Origgio i re delle moto customizzate

I fratelli Troiano dell'OMT Garage hanno vinto il contest di Sky "Lord of the bikes": "Una vittoria fantastica per un lavoro fatto con passione"

A Origgio i re delle moto customizzate
I fratelli Troiano dell'OMT Garage hanno vinto il contest di Sky "Lord of the bikes": "Una vittoria fantastica per un lavoro fatto con passione"

A Origgio il re delle moto “customizzate”. Si tratta dell‘OMT Garage che nella serata di martedì 26 aprile ha vinto il singolare contest per appassionati di moto “Lord of the bikes”, in onda su Sky Uno Hd da diverse settimane. Il programma televisivo prevedeva una sfida a eliminazione tra diversi garage e appassionati che, a ogni confronto, dovevano personalizzare una moto messa a disposizione da Moto Guzzi.

Galleria fotografica

A Origgio i re delle moto customizzate 4 di 9

Nella serata di martedì si è svolta la finale e l’OMT Garage, di cui sono proprietari Marco e Mario Troiano, hanno vinto il primo titolo italiano del format televisivo che da anni prosegue con successo negli Stati Uniti. Nelle foto si può vedere la personalizzazione della moto che ha vinto il contest. Per l’occasione al Garage di Origgio si è svolta una grande festa con centinaia di persone presenti.

Per i due fratelli Troiano è un altro sogno che si realizza, per una passione che viene portata avanti da anni. Infatti, entrare nel capannone/garage dei fratelli Troiano è come entrare in un pezzo di mitologia alla “Easy rider” il film di Dennis Hopper che ha lanciato il mito della libertà su due ruote: oltre al bar con tanto di hot dog e caffè, ci sono locandine cinematografiche, statue di Elvis, ambientazioni espositive di Harley vecchie anche 30 anni, e molto altro.

A Origgio i re delle moto customizzate
I fratelli Troiano dell'OMT Garage hanno vinto il contest di Sky "Lord of the bikes": "Una vittoria fantastica per un lavoro fatto con passione"

«È stata una bellissima vittoria – commentano ancora increduli -. Un successo non aspettato, molto sofferto perché i contendenti erano tutti fortissimi. Siamo contenti che molti sacrifici siano stati ripagati!A dimostrazione del fatto che che quando si fa un lavoro con passione e solo successivamente per lucro, questi sono i risultati».

La descrizione della moto vincitrice apparsa sulla pagina ufficiale Facebook di Moto Guzzi: «Una moto per il gentleman che vuole una cavalcatura diversa da quella di chiunque altro. Signore e signori, ecco a voi Silver Knight, la Moto Guzzi V9 altamente personalizzata da OMT Garage: una custom che vuole essere una celebrazione delle moto da corsa d’epoca, ma che spinge allo stesso tempo sull’acceleratore dell’unicità e della sportività. Per questo i fratelli Troiano hanno lavorato per sottrazioni successive, allo scopo di non lasciare sulla moto nulla più dell’indispensabile. La Silver Knight è una moto austera, per un biker dall’estetica minimale. Il telaio è stato irrigidito, così come il forcellone posteriore, su cui lavora, in bellissima esposizione, il mono-ammortizzatore. La forcella è stata sostituita con un’unità a molle. Le ruote originali hanno entrambe ceduto il posto a cerchioni da 19 pollici, lenticolari; una misura solitamente inusuale per il posteriore, dove il mozzo centrale del cerchio, ricavato dal pieno in ergal, è stato lavorato e fresato per essere accoppiato al giunto cardanico. Il serbatoio in alluminio, più piccolo rispetto al modello di serie, è stato costruito a mano in officina. La generale pulizia della linea prevede l’occultamento della parte funzionale in favore della dimensione estetica: i comandi a scomparsa sul manubrio, ad esempio, seguono questa filosofia radicale. Senza dubbio, la Silver Knight è una moto per il gentleman amante dell’estetica pura, da sfoggiare senza compromessi. Regina fra le bellissime, è lei la vincitrice della prima edizione di Lord of the Bikes».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

A Origgio i re delle moto customizzate 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.