Aumenta di 20 unità l’organico dei vigili del fuoco

Diversi avvicendamenti che hanno lasciato un saldo attivo seguito al 76° corso di formazione

Vigili del fuoco

Tempo di partenze e arrivi al comando dei vigili del fuoco di Varese. In una nota firmata dal comandante provinciale Oliverio Roberto Dodaro viene fatto il punto a seguito del 76° corso di formazione svoltosi a Roma e arrivato a termine ieri.

Complessivamente sono state movimentate 126 unità, di cui 73 in entrata e 53 in uscita, che corrispondono a circa il 25% del personale, facendo riscontrare un aumento di 20 unità di cui si avvantaggeranno tutte le sedi di servizio: Busto Arsizio, Ispra, Luino, Saronno, Somma Lombardo e Malpensa.

Una boccata d’ossigeno per la pianta organica, sofferente di un 10% di effettivi non più tardi dello scorso autunno, sebbene il servizio sia sempre stato assicurato, come lo stesso Dodaro ricordò in un’intervista a Varesenews.

«Entro l’estate prossima – scrive il comandante – con la fine dei corsi ancora in itinere, sarà attivata un’altra mobilità nazionale e si potrà contare su un ulteriore e importante incremento. Le mobilità di questa portata non sono una novità per il comando di Varese che è chiamato ogni volta a svolgere uno sforzo organizzativo sia a livello logistico che per il rapido inserimento di nuovi vigili del fuoco nelle dinamiche operative che caratterizzano il territorio provinciale».

Dodaro ringrazia, nel suo messaggio, tutti i vigili del fuoco che hanno accolto i nuovi arrivati «formulando i migliori auguri di benvenuto e di una serena e proficua permanenza a Varese».
In servizio in provincia di Varese attualmente sono operativi oltre 500 vigili del fuoco fra comando di via Legnani e distaccamenti territoriali.

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 07 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.