Chiude la strada per il lago, Cazzago protesta

I residenti non vogliono il traffico delle auto la domenica, ma nemmeno la transenna (rimovibile da chi abita lì) che chiuda via Orrigoni

Cazzago Brabbia, è lite sulla strada che porta al lago

Riapre il bar del lido, gli affari vanno bene e scoppia il putiferio. Putiferio si fa per dire, stiamo parlando di Cazzago Brabbia, comune di 800 anime, ma tutte abbastanza vivaci.

Galleria fotografica

Cazzago Brabbia, è lite sulla strada che porta al lago 4 di 5

Ecco in sintesi che cosa succede. Il Comune mette un cartello per avvertire che da domenica 17 aprile, domenica appena trascorsa, la via Orrigoni, quella che conduce al lago, sarà chiusa con una transenna rimovibile solo dai residenti che poi dovranno riposizionarla, questo allo scopo di disciplinare il traffico verso il lago.

La via Orrigoni è una strada piuttosto stretta, tanto che in alcuni punti diventa transitabile da una solo auto alla volta. A quanto pare da quando il bar della Darsena è stato riaperto, il traffico è aumentato parecchio e quindi l’amministrazione comunale ha cercato una soluzione per la domenica, giorno di maggior afflusso.

Tutto bene? Residenti contenti? No, per niente. Sulla pagina Facebook Cazzago Brabbia dopo il voto si scatena il dibattito. La soluzione non piace: le attività economiche vengono penalizzate, si dice; nella zona oltre alla Darsena, il bar de lago, c’è anche un Bed & Breakfast. Chi vive in via Orrigoni chiede pace tranquillità e sicurezza ma non vuole la transenna: scendere, spostare poi rimettere? Una fatica che non spetta a chi vive lì, si cerchi un’altra soluzione.

Lo scontro diventa anche “politico”: “tutta colpa di un’amministrazione che non sa prevedere né i problemi né le soluzioni”, sostengono alcuni.

Il primo giorno di chiusura della via, ieri appunto, tutto è filato liscio come l’olio: pioggia e nuvole hanno scoraggiato i “villeggianti” e la transenna, pronta a fare il suo onesto lavoro, è rimasta in un angolino, senza dar fastidio a nessuno, né ai residenti, né agli automobilisti. Ma non durerà a lungo: appena il sole e il bel tempo torneranno, caleranno anche le “orde di turisti”che, va detto, potrebbero anche lasciare l’auto poco distante dalla via Orrigoni e fare due passi, visto che i parcheggi al lago non sono molti e Cazzago si estende su 4 chilometri quadrati (fonte Wikipedia).

Ma tant’è, la questione resta ancora tutta aperta. Si sa che dalle nostre parti c’è una regola che vince sempre: si faccia, ma non nel mio giardino.

 

di
Pubblicato il 18 aprile 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Cazzago Brabbia, è lite sulla strada che porta al lago 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.