De Simone, arancione e green: “No alle Trivelle e Varese pulita”

La lista Progetto ConcittaDino fa campagna per il referendum e si impegnerà sulle tematiche ambientali

Lista De Simone Progetto ConcittaDino

Un motore ecologico ed innovativo è partito. Così ricomincia la campagna elettorale di Dino De Simone e della lista Progetto Concittadino, una delle quattro che sosterrà Davide Galimberti del centrosinistra.

Il logo riprende i colori e i tratti che contraddistinguono il gruppo cresciuto attorno alla candidatura alle Primarie di Dino De Simone: arancione, il colore delle migliori esperienze progressiste degli ultimi anni, con il “baffo”verde, per richiamare l’esperienza ambientalista, viva e attiva anche a Varese. Ed è questo il ruolo che Progetto ConcittaDino vuole ricoprire all’interno della coalizione che sostiene la candidatura di Davide Galimberti: quello di motore innovativo ed ecologico del gruppo e, se i varesini lo vorranno, del nuovo governo della città.

All’interno del simbolo, è stato incluso anche lo slogan “Varese cambia davvero”: è stato quello delle primarie, ed è con questa filosofia che il nuovo Progetto si presenta alla città. De Simone intende prendere le migliori energie di Varese e farle emergere, metterle in circolo per realizzare le potenzialità del territorio. 

La prima uscita è al bar Mojo di via Donizetti, con una parte della lista tra cui il titolare del locale. “Invitiamo tutti a votare Si al prossimo referendum sulle trivellazioni” osserva De Simone, esponendo i manifesti del comitato referendario.

Con De Simone erano presenti oggi Giovanni Pinesso, ambientalista e storico volto di Legambiente Varese, Luigi Tufano assicuratore, Tiziana Cilla SchiavoniAndrea Bertoli, titolare del Mojo Cafè in via Donizetti. Presenti anche alcuni dei candidati già presentati in precedenza, come Barbara Cirivello (avvocato, Movimento Consumatori), Mauro Rivolta (architetto “green”) e Rossana Chiodi (Fiab-Ciclocittà Varese).

Le iniziative. Ecco quelle di aprile: Mercoledì 13 aprile ore 18.30, circolo di Casbeno: “Varese si muove. Con la mobilità elettrica”. Incontro con Giuseppe Mauri di Rse, società del gruppo Gse che si occupa di efficienza energetica. (Questo incontro sarà parte del programma della giornata di Davide Galimberti dedicata al quartiere di Casbeno). Per riflettere insieme sull’efficienza energetica, su cosa è possibile fare per rendere migliore il modo in cui Varese sfrutta energia, migliorando nel contempo anche la mobilità, grazie ai veicoli elettrici e non solo.

Mercoledì 20 aprile ore 21, sala Macchi di via De Cristoforis 5: “Bilancio partecipato e beni comuni” con il sindaco e assessore alla partecipazione di Rescaldina Michele Cattaneoe l’associazione Labsus. Come rendere i cittadini protagonisti della vita amministrativa, come coinvolgerli nelle scelte che li riguardano direttamente. Progetto Concittadino, a questo proposito, propone l’inserimento dei referendum consultivi nello statuto comunale: per chiedere l’opinione dei varesini e tenerne conto nelle scelte più importanti.

Mercoledì 27 aprile ore 21, sala Macchi di via De Cristoforis 5: “Ieri, oggi e (forse) domani. Per una storia della città, guardando al futuro”. Insieme ad Enzo Laforgia, professore di storia e filosofia al liceo Classico Cairoli, presidente dell’Istituto Luigi Ambrosoli. Per progettare la città del futuro dobbiamo capire cosa è stata fino ad oggi.

È partita anche la campagna di autofinanziamento di Progetto ConcittaDino. Un progetto dal basso, senza grandi finanziatori alle spalle, che vuole portare avanti in prima persona la trasparenza, pubblicando l’estratto conto a cadenze regolari sulla nostra pagina Facebook. Chi vuole donare può fare un bonifico a questo Iban: IT 31 N 08404 10801 0000 0000 3442, specificando la causale “Progetto ConcittaDino”.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.