Degente ladro sorpreso a rubare in ospedale

Insieme ad un complice aveva forzato le serrature di tre auto. I due sono stati colti sul fatto dagli agenti del commissariato di via Candiani

ospedale busto arsizio

Era ricoverato in ospedale ma non è riuscito a resistere alla tentazione di rubare e ha deciso di prendere di mira le auto in sosta, con l’aiuto di un complice. Ieri pomeriggio, erano circa le 15.00 quando il Sovrintendente in servizio presso l’ufficio della Polizia di Stato nell’ospedale di Busto Arsizio, ufficio che dipende dal Commissariato di via Candiani, avendo ricevuto segnalazioni di movimenti sospetti nel parcheggio interno dell’ospedale si è messo in osservazione, notando effettivamente che due uomini si aggiravano in modo furtivo tra le auto parcheggiate nell’area di sosta interna all’ospedale.

Mentre uno si guardava intorno, facendo evidentemente il “palo”, l’altro armeggiava vicino alle vetture dopo essersi chinato in modo da non essere visibile. A quel punto il Sovrintendente è entrato in azione, bloccando i due con l’aiuto dei colleghi della Volante accorsi dal Commissariato giunti, nel frattempo, in supporto.

E’ stato subito chiaro che i due, entrambi cittadini albanesi di 21 e 23 anni domiciliati a Olgiate Olona, erano “topi” d’auto che avevano già forzato due vetture in sosta e che, dopo averne aperta una terza, si preparavano a ripulire anche questa. Addosso avevano un cacciavite e il magro bottino costituito da un paio di occhiali da sole.

Ancor più sorprendente è il fatto che uno dei due, tra l’altro sotto falso nome perché clandestino, era ricoverato da alcuni giorni in un reparto dell’ospedale, dal quale è stato comunque immediatamente dimesso. I due sono stati denunciati per furto aggravato e quello ricoverato, per il quale sono state avviate le procedure di espulsione, anche per aver fornito false generalità.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.