E’ morto il professor Giovanni Rimoldi

Storico docente di storia e filosofia del Liceo Arturo Tosi è morto a 68 anni. I funerali saranno venerdì alle 15.15

giovanni rimoldi
busto arsizio varie

Giovanni Rimoldi si è spento la notte tra il 10 e l’11 aprile a 68 anni, storico professore del Liceo Arturo Tosi di Busto Arsizio dove ha insegnato per anni storia e filosofia al liceo scientifico. Da mercoledì la salma verrà esposta al battistero di San Giovanni mentre i funerali saranno celebrati in basilica venerdì alle 15.15.

Giovanni Rimoldi ha insegnato per anni all’Arturo Tosi storia e filosofia. Ha svolto nelle sue classi un corso di bioetica al termine del quale gli alunni hanno partecipato con successo al concorso scolastico europeo indetto dal Movimento per la Vita con il patrocinio delle massime autorità statali. Negli anni è stato anche coordinatore de “La Voce degli Studenti”, il giornalino dell’istituto.

Con la moglie Anna Puricelli ha scritto “Cento giorni nell’eternità – Alla ricerca del senso della vita” un volume sulla brevissima esistenza di Maria Gabriella, la loro figlia vissuta 100 giorni. Entrambi hanno collaborato con il Direttivo del Centro di Aiuto alla Vita di Busto, un’associazione che aiuta, attraverso il Progetto Gemma, le giovani mamme in difficoltà nel primo anno di vita del neonato. Anna e Giovanni hanno ideato e creato la mostra “Un grande sì alla vita”che è stata esposta in diversi luoghi d’Italia ottenendo, ovunque, un grande successo.

Nato a Cislago, laureato in Lettere e Filosofia alla Cattolica di Milano e in Psicologia a Padova, è stato autore anche di diversi volumi storici. Molti di questi si sono concentrati sul quartiere bustocco di Borsano e sulle famiglie che ne hanno fatto la storia.


di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.