I sindacati fanno muro, anche contro il “job posting”

Duro attacco di Cgil, Cisl, Uil e Ugl: "Ai lavoratori rivolgiamo l’invito a non aderire alle offerte sbagliate"

esuberi meridiana olbia
esuberi meridiana olbia

Duro comunicato dei sindacati di fronte alle manovre di Meridiana (in particolare il “job posting”) nel bel mezzo della trattiva sugli esuberi. La presa di posizione è firmata dai Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl.

«Abbiamo espresso da sempre, ed anche in questi ultimi giorni, la nostra contrarietà alla pratica dei job posting come strumento di ricerca di personale infragruppo e verso Air Italy, fuori da ogni regola condivisa. Ma assistere, mentre viene aperta la procedura di mobilità che potrebbe vedere al suo termine un numero elevato di licenziamenti, all’uso disinvolto del job posting, dimostra che Meridiana o ha una direzione bipolare o gioca al tanto peggio tanto meglio o ancor più mira a far saltare le pur esilissime possibilità di trovare soluzioni comuni».

«Come è possibile – si chiedono i sindacati – che, mentre è aperta una trattativa sull’ingresso di Qatar Airways in Meridiana, che pone tra l’altro due condizioni, contratto e esuberi, che richiedono il coinvolgimento per legge del sindacato, si debba assistere ad azioni unilaterali che incidono pesantemente sulla intera trattativa ed in particolare sulla riduzione degli esuberi annunciati?»

«Da un lato, con la procedura di 223, anche in assenza di accordo, Meridiana è vincolata a criteri di legge nella individuazione degli esuberi. Dall’altra, con le ricerche mirate di personale cui si offre posizioni di lavoro in Air Italy a tempo indeterminato, si stanno violando proprio i criteri che andrebbero stabiliti e la legge prevede. Non si può quindi trattare sui criteri mentre Meridiana ne viola le premesse indispensabili».

«Abbiamo affermato che il sindacato riconosce la necessità di garantire le esigenze sia di posizioni professionali in Meridiana, con la mobilità interna, che di personale verso Air Italy in vista della stagione estiva e non solo. Ma riconfermiamo che le modalità di ricerca verso Air Italy debbano essere esclusivamente temporanee con l’utilizzo del contratto a termine con scadenza alla fine della Cig in atto, o tramite lo strumento del distacco. Questo perché il nostro sforzo è volto a determinare: – l’applicazione del contratto nazionale in tutto il gruppo, superando ogni forma di dualismo o differenza economica e normativa, con il presupposto della unificazione aziendale; – definire i criteri di copertura di personale in Air Italy con l’abbattimento degli esuberi. Ma se, al contrario Meridiana, ad apertura di procedura, decide chi assumere in Air Italy, quali criteri si potranno mai individuare a posteriori? Con il rischio evidente e concreto che il job posting premi con l’assunzione in Air Italy con criteri inversi a quelli di legge. Contro questa decisione avanzeremo ogni azione di carattere legale e riferita alla procedura di mobilità a garanzia di equità, trasparenza e legittimità. Chi può e chi deve, fermi queste azioni di Meridiana che hanno oggettivamente lo scopo di far saltare l’intera trattativa in atto e, quindi, anche la soluzione Qatar. Ai lavoratori rivolgiamo l’invito a non aderire alle offerte sbagliate e fuori da ogni accordo di Meridiana, non dando alcuna disponibilità che non rientri nelle opzioni proposte dalle organizzazioni sindacali. Questo invito si deve realizzare già lunedì, data nella quale Meridiana avrà dei colloqui con le persone coinvolte. Non si aderisca a una offerta aziendale che ha l’unico scopo di dividere i lavoratori e superare quanto legge e contratto ancora prevedono. Si accolga solo l’opzione a tempo determinato e al distacco come richiesto dal sindacato».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 aprile 2016
Leggi i commenti

Foto

I sindacati fanno muro, anche contro il “job posting” 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.