Il documentario sulla solitudine aiuta chi è stato lasciato solo

Il progetto di Gabriele Colombo, realizzare un documentario autoprodotto sulla solitudine e raccogliere fondi per le onlus che presenteranno un progetto

gabriele colombo fabio boscacci documentario solitudine
busto arsizio varie

Un documentario sulla solitudine può aiutare altre persone a sentirsi meno sole? E’ la sfida del bustocco Gabriele Colombo, videomaker per passione e da sempre attento al sociale che ha presentato il suo progetto all’Icma, giovedì, insieme all’amico Fabio Boscacci dello Studio Mom.

IL PROGETTO - Nella vita Gabriele fa l’imprenditore ma la sua passione per il video e per il volontariato sociale lo ha spinto a pensare ad un film dal titolo “La solitudine è solo un punto di vista”. Oltre alla realizzazione del documentario l’obiettivo è quello di raccogliere fondi tramite il crowdfunding per progetti a favore di associazioni.

IL DOCUMENTARIO - I protagonisti sono un viaggiatore che per scelta attraversa l’Europa con la sua bicicletta in solitaria, un manager che per carriera si trasferisce all’estero e isolatosi si trova a confrontarsi con il suo sogno e con il traguardo che sta per raggiungere, una sognatrice che invece il sogno lo ha raggiunto a New York, in solitudine, un detenuto che sogna di poter fare qualcosa da solo appena uscirà dal carcere e altri. Il regista ha viaggiato in alcune capitali mondiali per incontrare i volti dei protagonisti, raccogliendo le loro testimonianze, imbastendo una sceneggiatura che molto spesso veniva disfatta e ricucita plasmandosi su quanto accadeva in questo documentario.

LA RACCOLTA FONDI - Un viaggio che è prima una introspettiva personale e che ha uno scopo benefico di non poco  conto, sostenere e aiutare chi aiuta e sostiene chi è solo. Collegandosi al sito http://www.solitudini.it , in una apposita sezione, le Onlus potranno proporre le proprie idee che come unico vincolo dovranno prevedere l’impiego dei fondi per iniziative su persone sole. In un secondo momento verranno scelti i progetti che saranno destinatari dei fondi raccolti tramite la vendita dei dvd del documentario.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 23 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.