In arrivo le case rifugio per le vittime dell’omotransfobia

La soddisfazione di Arcigay: ancora troppi i casi di ragazzi allontanati dalle famiglie

lgbt diritti umani gay apertura
lgbt diritti umani gay apertura

La posizione di Arcigay Milano sul nuovo progetto a sostegno della lotta all’omofobia

Apprendiamo con piacere e soddisfazione dai giornali che il comune di Milano metterà a breve a disposizione degli alloggi per l’accoglienza momentanea delle persone LGBT senza alloggio in quanto allontanati dalla propria famiglia per la propria identità di genere o orientamento sessuale.

Arriva quindi al traguardo un progetto che ci ha visti proporre e sollecitare l’attuale giunta comunale nell’individuazione di una struttura di accoglienza per ragazzi e ragazze allontanate da casa. Già dall’inizio questa giunta si era dimostrata sensibile ed interessata nel trovare una soluzione al problema, e ora ci annuncia la ormai prossima risoluzione.

Da decenni infatti alle nostre strutture accedono ragazze e ragazzi esclusi dal proprio nucleo famigliare in ragione del proprio orientamento sessuale e o identità di genere. Le soluzioni adottate sono state però il risultato dell’intraprendenza personale di chi ha dato disponibilità ad accoglierle e o ad aiutarle.

Casi di allontanamento che continuano purtroppo ad esistere, a testimonianza di una omofobia sociale ancora persistente, e che, come accennato dai giornali, continuano a coinvolgerci anche in questi giorni.

La richiesta di una casa-alloggio formulata da tempo al Comune di Milano è diventata anche uno dei punti programmatici che le associazioni LGBT milanesi hanno proposto ai candidati delle primarie della sinistra a Milano, e farà parte della piattaforma programmatica che porteremo come Comunità LGBT ai candidati sindaci.

Speriamo quindi che il progetto si realizzi nei tempi dichiarati, sia perche le contingenze attuali ce lo chiedono, sia perchè è opportuno affrontare con politiche pubbliche il problema dell’allontanamento di un/a giovane dal proprio nucleo familiare. La società deve farsi carico di questa problematica e trovarne una soluzione, perche solo così tutti i risvolti culturali, sociali e personali che vicende del genere comportano nello sviluppo e nella serenità di ogni persona, possono avere finalmente la parola fine.

Ufficio Stampa CIG Arcigay Milano

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.