La montagna tra foto e documentari

Villa Pomini ospita il tradizionale appuntamento culturale di primavera con la sezione CAI cittadina, dal Pakistan al Cervino

Montagna

Il tradizionale appuntamento Culturale di primavera, che la Sezione di Castellanza del Club Alpino Italiano propone quest’anno al grande pubblico si compone di due eventi.

Il primo evento, in ordine di tempo, dal 9 al 17 aprile a Villa Pomini, la Mostra fotografica suddivisa in tre argomenti.
• Raid sci alpinistico  “sulle tracce di Wilhelm Paulcke”  avvenuto nella primavera dello scorso anno attraverso i ghiacciai dell’Oberland Bernese. Il raid ha ripercorso la storica impresa che oltre cento anni fa ha contribuito a diffondere lo scialpinismo nelle Alpi. Il raid sci alpinistico è stato effettuato da alcuni istruttori e allievi della Scuola di Alpinismo “Guido Della Torre” coordinati da Davide Rogora e Paolo Mainotti, entrambi istruttori nazionali di alpinismo e scialpinismo.
• Spedizione Alpinistica “ Khane Valley  Karakorum – Pakistan  1 to 1 Challenge” avvenuta nel mese di agosto dello scorso anno in una valle ancora non del tutto esplorata e con numerose vette inviolate. Il team della spedizione era composto da alcuni istruttori della  Scuola di Alpinismo “Guido Della Torre” coordinati da Capo spedizione Walter Polidori,  istruttore nazionale di alpinismo.
Inaugurazione della mostra:
Sabato 9 aprile alle ore 17
Apertura della mostra:
Mar. Mer. Giov. Ven. Sab. h. 15/h. 19 Dom. h.10/h. 12:30 – h.15/h.19 Ingresso libero.
Il raid scialpinistico e la spedizione alpinistica sono stati realizzati in occasione del quarantesimo anno di fondazione della  Scuola di Alpinismo “Guido Della Torre” delle Sezioni C.A.I.  Castellanza – Busto Arsizio – Legnano – Saronno – Parabiago.

• Conferenza con i protagonisti del raid scialpinistico e della spedizione alpinistica.
Proiezione dei rispettivi cortometraggi . Villa Pomini venerdì 15 aprile alle ore 21.

Il secondo evento proposto è, venerdì 29 aprile alle ore 20:45 al Teatro di Via Dante, la proiezione del Film di Nicolò Bongiorno “Cervino la montagna del mondo”  Sarà presente e interverrà Nicolò Bongiorno (figlio del grande Mike) regista e protagonista del film.

APPROFONDIMENTI

• RAID SCIALPINISTICO “SULLE TRACCE DI WILHELM PAULCKE”
Il raid scialpinistico, Coordinato dal Direttore Davide Rogora e dal Vice Direttore Paolo Mainotti, entrambi istruttori nazionali di alpinismo e scialpinismo, ha ripercorso la storica impresa che, oltre cento anni fa, ha contribuito a diffondere lo scialpinismo nelle Alpi.
Realizzato tra la fine di aprile e la prima settimana di maggio 2015, in totale autonomia da alcuni istruttori ed ex allievi della scuola, il raid si è snodato al di sopra dei 2500 m attraverso i ghiacciai dell’Oberland Bernese, con partenza da Oberwald (Goms CH) e arrivo a Blatten (Lötschental CH).
A determinare il risultato positivo dell’impresa è stata l’accuratezza con la quale il gruppo ha curato ogni dettaglio delle varie fasi della preparazione sportiva, tecnica, organizzativa e logistica.
Un successo, non solo indotto dall’allenamento fisico dei partecipanti ma anche dalle accurate attenzioni dedicate alle tecniche sciistiche e alpinistiche funzionali alla salita, alla ricerca dei materiali più idonei, alla precisa definizione del percorso, delle tappe, dalla preparazione delle slitte da trainare.
Inoltre un’attenta rilettura della relazione di Wilhelm Paulcke ha consentito al team di ripercorrere fedelmente il tracciato originale.
Un’esperienza “extra-ordinaria”per i partecipanti.
Un report interessante per gli scialpinisti e affascinante tutti i visitatori, che il C.A.I. Castellanza propone con la selezione delle immagini esposte nella mostra.

• SPEDIZIONE ALPINISTICA KHANE VALLEY KARAKORUM – PAKISTAN
Khane Valley – 1 to 1 Challenge è stata una spedizione alpinistica in una valle non ancora del tutto esplorata e con numerose vette inviolate.
Grazie alla documentazione raccolta dalla spedizione altri alpinisti e altre spedizioni avranno a disposizione utili ed inedite informazioni, tali da consentire loro un più facile accesso alla zona per compiere nuove ascensioni o nuove esplorazioni
Il team della spedizione, composto da alcuni istruttori della scuola coordinati dal Capo spedizione Walter Polidori – istruttore nazionale di alpinismo, ha centrato i due ambiziosi obiettivi prefissati:
• l’impresa alpinistica – mirata ad aprire nuove vie in stile alpino, su vette ancora inviolate, collocate a circa 6000 m di quota;
• la ricerca documentativa – che ha permesso di acquisire materiale cartografico, fotografico e video di una valle del Karakorum per lo più inesplorata. La Khane Valley.
Un’esperienza “extra-ordinaria”per i partecipanti.
Un report interessante per gli alpinisti e affascinante per tutti i visitatori, che il C.A.I. Castellanza propone con la selezione delle immagini esposte nella mostra.

• PROIEZIONE DEL FILM-DOCUMENTARIO “CERVINO LA MONTAGNA DEL MONDO” “Cervino la montagna del mondo” (67′)  è il titolo del documentario sapientemente diretto da Nicolò Bongiorno.
Un film-documentario raccontato con gli occhi della famiglia Bongiorno: il documentario, infatti, lascia trasparire tutto l’amore che il grande Mike aveva per una delle più belle montagne al mondo. Nicolò Bongiorno presenta il Cervino con una storia che si sviluppa su più piani narrativi.
Il film è un meraviglioso viaggio attraverso il tempo, a contatto con la saggezza della natura più selvaggia, alla ricerca di una nuova “via” dentro se stessi. Al centro di questo racconto iniziatico, la spettacolare ascesa vissuta da un giovane uomo sulla via normale Italiana del Cervino aperta da J.A. Carrel nel 1865. A creare un ponte di collegamento tra i documenti e le testimonianze storiche della via alpinistica di 150 anni fa e quella di oggi, alcuni protagonisti d’eccezione che accompagnano l’ascesa del protagonista.Il documentario ha vinto il premio del pubblico al Cervino Cinemountain Film Festival 2015.
I PROTAGONISTI
Nicolò Bongiorno
Il giovane protagonista del racconto, un uomo alla soglia dei suoi 40 anni alla ricerca di una nuova libertà interiore. Scoprirà che è possibile trovare se stessi e ascoltare una propria voce interiore, distanziandosi dal rumore del mondo, uscendo all’aria aperta, ricercando nuovi sentieri. Il metodo, la serietà del cammino, tutte lezioni preziose che apprenderà dai suoi compagni di strada.
Marco Barmasse
Guida alpina del cervino, figlio e nipote di guide alpine, vive la quotidianità a stretto contatto con la natura. Una persona calma, acuta e risoluta che ha saputo ritrovare nei ritmi della vita di montagna il suo equilibrio. Accompagnerà Nicolò sul cervino.
Hervè Barmasse
Figlio di Marco, valoroso e talentuoso alpinista di vocazione. Carattere fiero e intransigente, negli ultimi anni ha saputo aprire sulla “sua” montagna nuove e ardite vie in solitaria.
Aimè Maquignaz
Cacciatore di camosci, si definisce “cacciatore di libertà”. Poeta e sognatore, definisce il cervino come la montagna più bella del mondo.
Trama
All’interno di un misterioso teatro di città, un giovane uomo sogna di scalare il Cervino lungo la leggendaria via normale Italiana aperta da J.A. Carrel nel 1865. Inizia così un meraviglioso viaggio attraverso il tempo, a contatto diretto con la saggezza della natura più selvaggia, alla ricerca di una nuova “via” dentro se stessi. Nicolò Bongiorno è regista, sceneggiatore, attore, produttore. Secondogenito del noto presentatore televisivo Mike Bongiorno, ha scritto diretto e interpretato numerosi film per la televisione con una personalissima poetica visionaria a metà strada tra finzione e documentario. Oltre alla sua prolifica attività di regista documentarista, Nicolò Bongiorno ha esordito come scrittore con la biografia del padre “La versione di Mike”. E’ socio fondatore e Presidente della Fondazione Mike Bongiorno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.