La Tre Valli “raddoppia” e lancia la volata al turismo

Due giorni prima della corsa, Varese ospiterà anche una "gran fondo" per cicloamatori; pronti i pacchetti per chi vuole soggiornare in provincia

filippa lagerback

Ciclismo e turismo: la rima è voluta ma non si ferma a un fatto lessicale. Ciclismo e turismo saranno una delle prime prove di forza per la neonata Varese Sport Commission e per la storica Sc Alfredo Binda, coalizzate per dare alla nostra provincia una carta vincente dal punto di vista dell’accoglienza.

Corriamo con il pensiero a settembre: martedì 25 è il giorno della 96a Tre Valli Varesine nell’edizione che potrebbe lanciare la grande classica nostrana nel circuito più importante al mondo, il World Tour (ne abbiamo parlato QUI). Due giorni prima però, per la prima volta, Varese ospiterà anche un evento per cicloamatori denominato Gran Fondo Tre Valli Varesine con cui si vuole portare in città centinaia – se non migliaia – di turisti.

Non un’idea campata per aria: le gran fondo (gare aperte agli appassionati che in genere si svolgono su distanze “quasi” da professionisti) sono appuntamenti di richiamo per un vero e proprio esercito di pedalatori, i quali spesso si muovono in comitiva o con famiglie al seguito generando un indotto notevole. E per favorire questo “flusso”, Varese ha scelto di affiancare l’evento alla Tre Valli principale proponendo pacchetti turistici che arrivano a coprire fino a quattro giorni (da sabato a martedì), nei quali non mancano appuntamenti sportivi e culturali.

Varese sport commission
Filippa Lagerback, Renzo Oldani, Attilio Fontana

Si va dalla possibilità di allenarsi (sabato) con tre campionissimi come Oscar Freire (3 volte campione del mondo), Ivan Basso e Noemi Cantele, a quella di pedalare (lunedì) con una delle squadre “pro” che partecipano alla Tre Valli, all’avere l’occasione di seguire un tratto di gara al seguito dei corridori (sulle cosiddette “ammiraglie“) fino a godere di una serie di visite guidate sul Lago Maggiore e al Sacro Monte. Con possibilità di sconti particolari per chi sceglie di allungare il soggiorno nel Varesotto a quattro notti.

«Sarebbe bello, nel giro di qualche anno, paragonare la nostra gran fondo a quelle più importanti d’Italia, come quella delle Dolomiti – ha detto il presidente della “Binda”, Renzo Oldani – Noi vogliamo sfruttare al meglio le bellezze dei nostri luoghi e lo facciamo in occasione di un momento chiave come la disputa della Tre Valli. Ci sarà ancora la Rai a dare spazio a Varese e avendo l’occasione di accedere al World Tour tutto questo movimento acquista ancora più importanza.

Come detto, a supporto delle iniziative ciclistiche ci sarà la Varese Sport Commission, voluta dalla Camera di Commercio proprio per incentivare il turismo in occasione di eventi sportivi. Con una ambasciatrice d’eccezione come Filippa Lagerback, presente anche oggi in piazza Montegrappa insieme allo stato maggiore dell’ente camerale presieduto da Renato Scapolan. Tra gli ospiti anche il giornalista Pier Bergonzi che ha lanciato l’idea di creare una hall of fame di tutto lo sport varesino, per affiancare iniziative di questo tipo.

Varese sport commission
Foto di gruppo

La Gran Fondo Tre Valli avrà anche un contorno commerciale importante e ruoterà intorno allo stadio di Masnago che il Varese Calcio cederà per un fine settimana e che per una volta tornerà a vivere come “Velodromo Luigi Ganna”. Da lì partiranno e arriveranno i partecipanti della prova amatoriale, lì saranno organizzate la premiazione e il “pasta party” al termine della fatica mentre sul piazzale antistante sarà attivata un’area commerciale con spazi dedicati ad aziende del settore, a sponsor ma anche a realtà del territorio con particolare attenzione ai prodotti varesini. Prodotti che, nel caso di agroalimentare, saranno anche serviti in una serie di ristoranti con menu a prezzo fisso nel corso dei quattro giorni dell’evento.

Il programma provvisorio e il tracciato della Gran Fondo (due percorsi: il “lungo” di 156 chilometri con 2.500 metri di dislivello, il “medio” di 103 chilometri; si toccano le rive del Ceresio e dell’Alto Verbano) sono già disponibili sul sito ufficiale della “Binda”: lo trovate CLICCANDO QUI.

 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 14 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.