L’appello della famiglia Macchi per trovare un posto a Giorgio

Il funerale del padre della ragazza si terranno lunedì ma la famiglia vorrebbe una sepoltura a Casbeno

Riesumazione Lidia Macchi

Un appello composto, che passa dall’avvocato di famiglia, Daniele Pizzi. Dopo la scomparsa di Giorgio Macchi, papà di Lidia, avvenuta venerdì scorso, ora c’è il problema della sepoltura che avverrà dopo i funerali che si terranno a Varese alle 15.15 nelle chiesa parrocchiale di Casbeno domani, lunedì 18 aprile.

È desiderio della famiglia trovare un posto per Giorgio nello stesso camposanto dove fino a poco tempo fa riposava il corpo della figlia, ora sottoposto a perizia medico legale dopo la ripresa delle indagini sfociate nell’arresto di Stefano Binda, il gennaio scorso.

Il problema che si pone sta nel fatto che ora la tumulazione di Giorgio nella tomba di famiglia non è possibile per via del sequestro disposto dalla magistratura.
Così l’appello del legale, per conto della famiglia, è rivolto alla comunità di Casbeno affinché si trovi una sistemazione provvisoria per la salma di Giorgio Macchi.
Chiunque volesse rispondere alla richiesta della famiglia può contattare Daniele Pizzi al numero 335.1500458.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.