L’Italia e il commercio di armi in Medio Oriente

Incontro promosso da Busto a Sinistra, con l'attivista e analista Giorgio Beretta

La Guardia di Finanza sequestra 200 proiettili da guerra a Malpensa

“Ma allora siamo in guerra, sì o no?”. È il titolo di una conferenza-dibattito che si terrà questa sera – martedì 5 aprile – al Quadrifoglio di via Lodi a Borsano di Busto Arsizio.

L’incontro è promosso da Busto A Sinistra e vedrà come relatore Giorgio Beretta, storico attivista della riconversione, analista dell’Osservatorio Permanente sulle armi e sulle politiche di difesa.

“La situazione militare e politica può causare una guerra immane e tutti i cittadini devono essere consapevoli che l’Italia può essere coinvolta”. Il riferimento è anche al ruolo dell’Italia nel commercio di armi sul teatro del Medio Oriente e di Libia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.