Martedì il Cardinale Scola a Caronno

Il dialogo con l'arcivescovo di Milano in programma nel salone dell'Oratorio per incontrare i fedeli del decanato di Carnago

Il cardinale Scola all'ospedale di Tradate

Martedì sera l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, sarà in visita pastorale a Caronno Varesino (Varese), dove, alle 21 nel salone dell’oratorio della parrocchia di San Vincenzo Martire (via Garibaldi 9), incontrerà i fedeli del Decanato di Carnago.

Il dialogo con il Cardinale sarà preceduto e seguirà in rete. Prima e dopo la visita pastorale è possibile inviare domande e riflessioni all’Arcivescovo scrivendo a visitascola@diocesi.milano.it La serata di Caronno Varesino sarà seguita in diretta Twitter attraverso l’hashtag #visitascola. Sulla visita pastorale Chiesa Tv (canale 195 del digitale terrestre) realizzerà uno “speciale” in onda venerdì 22 aprile alle 21.10 e sabato 23 aprile alle 19.30

«Il Decanato comprende 11 parrocchie – spiega don Basilio Mascetti, responsabile della Comunità pastorale Santa Maria Assunta di Cairate Varesino e Decano -, tra cui la nostra Comunità di Cairate, che ha al suo interno tre parrocchie dello stesso Comune. È vero, siamo una piccola realtà, ma non mancano i problemi. Avvertiamo che molta gente vive la tensione tra tradizione e modernità e, nello stesso tempo, respira un “clima” di indifferenza e di riflusso nel privato, che non favorisce la crescita della vita cristiana e di una maggiore socialità».

«Nel secolo scorso il nostro territorio ha accolto per lavoro molte famiglie provenienti dal Veneto e dal Sud, che si sono inserite bene nelle nostre comunità – sopttolinea il decano -. I nuovi immigrati non sono in numero eccessivo: soprattutto famiglie, molto giovani e con tanti bambini, romene, ucraine, albanesi, peruviane, marocchine e pakistane. Il dato significativo e incoraggiante è che, in estate, anche alcuni bambini di religione musulmana frequentano l’oratorio feriale e non faticano a fare amicizia con i nostri ragazzi. Il rispetto non manca ed è apprezzato l’impegno messo in campo da preti ed educatori giovani negli oratori».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.