Parte il concorsone per oltre 165.000 aspiranti professori

Comincia con i primi 1922 candidati il mese di prove scritte del concorso indetto per assumere 65.000 nuovi docenti. Nel prossimo triennio saranno 77.000 i prof che andranno in pensione

concorso docenti apertura

Da domani, 28 aprile, e fino alla fine di maggio oltre 165.000 candidati sosterranno la prova del concorso per entrare di ruolo nel mondo della scuola. I posti disponibili sono 63.712.

Nella prima giornata, sono chiamati 1922 concorrenti che si dovranno recare in una delle 770 sedi sparse per l’Italia. Le prove avvengono contemporaneamente in tutto il paese per le stesse classi di concorso.

La regione con più candidati ammessi è risultata la Campania (24.125), seguita da Lombardia (22.630), Sicilia (17.725) e Lazio (16.191).

Per superare la prova scritta ed essere ammessi all’orale, i candidati devono rispondere a 8 quesiti di cui 6 a risposta aperta specifici sulla materia di insegnamento, oltre a due su una lingua straniera. Chi lo supererà, dovrà sostenere l’orale nel corso dell’estate.

Il concorso andrà a soddisfare la richiesta di personale individuato dalla Buona Scuola ma servirà anche a coprire le carenze di organico che ci saranno nei prossimi anni. Da un’analisi pubblicata da Orizzontescuola emerge che entro tre anni si libereranno quasi 77.000 cattedre a causa di pensionamenti.

In particolare, quest’anno saranno pensionati quasi 25.000 insegnanti ( 10.000 alla primaria e quasi 7.000 nell’infanzia)  Il prossimo anno andranno in pensione 22.803 docenti ( 9837 alla primaria, 4864 alle superiori, 3.504 alle medie e 4596 all’infanzia). Infine nel 2018 raggiungeranno i limiti di servizio 29.197 insegnanti ( 11.432 alla primaria, 8594 alle superiori, 70004 alle medie e 2.167 all’infanzia). Se aggiungiamo i posti per il sostegno, in totale i pensionamenti nel 2016 saranno 25.630, nel 2017 saranno23.791 e nel 2018 ci saranno liberi 30.227 posti.

di
Pubblicato il 27 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.