Pollaio in amianto quanto mi costi, arriva la convenzione per lo smaltimento

Comunità Montana sta lavorando per assicurare ai cittadini il miglior prezzo possibile per la rimozione del materiale killer, molto frequente in piccoli fabbricati e rimesse agricole

Amianto Varese via Atto Vannucci

Pollai, baracche, piccole rimesse agricole. Costruzioni rurali ma anche piccoli ripostigli senza fondamenta attigui alle abitazioni emessi in piedi magari alcune decine d’anni fa senza troppi costi e servendosi di un materiale diffusissimo: l’eternit. Ma quelle tettoie ondulate contengono un materiale killer, l’amianto, responsabile di mesoteliomi e tumori.

La Regione Lombardia ha da tempo un piano per censire le strutture realizzate con questi materiali pericolosi con l’obiettivo di eliminando del tutto entro il 2020. Ma la rimozione spetta ai privati, con costi a volte importanti.

Per questo comunità montana Valli del Verbano si sta attivando per redigere una convenzione con società che al miglior prezzo possano assicurare lo smaltimento delle strutture in ambiente “domestico” (quindi non a fabbricati industriali o capannoni) a prezzi contenuti.

«Esistono situazioni in cui per bonificare un pollaio di qualche decina di metri quadrati si arriva a spendere cifre anche importanti e si parla di centinaia se non migliaia di euro – spiega Carlo Molinari, assessore della comunità montana – . Abbiamo quindi deciso di dare una mano ai cittadini della nostra zona che così saranno nelle condizioni di adempiere alle regole senza spendere troppo. Per arrivare a questo obiettivo, però, attendiamo di avere mandato dai comuni: alle amministrazioni è richiesto di deliberare in consiglio comunale la delega a comunità montana per redigere questo documento».

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 14 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.