Sea-Iran, primi passi per potenziare l’aeroporto di Teheran

La Iran Airport Company e la società di gestione degli aeroporti milanesi hanno siglato un Memorandum per lo sviluppo dello scalo di Mehrabad

aeroporto Merabad Teheran

Il presidente di SEA Pietro Modiano, partito con la delegazione del Premier Matteo Renzi in visita a Teheran per una serie di incontri istituzionali e di business, ha firmato ieri il Memorandum d’Intesa con i vertici di IAC, Iran Airport Company, per il progetto di sviluppo dell’aeroporto Mehrabad di Teheran, il più grande aeroporto del Paese per passeggeri serviti.

«Le autorità aeroportuali iraniane – dichiara Pietro Modiano, Presidente SEA – hanno apprezzato il nostro progetto per lo sviluppo del primo aeroporto del Paese. Adesso lavoreremo insieme per metterlo a punto e definirlo in termini operativi. Per SEA è un impegno significativo, ma anche il riconoscimento di competenze e know how che intendiamo valorizzare».

Il Memorandum nasce dalla volontà della società di gestione dello scalo iraniano di rinnovare e modernizzare il Mehrabad Airport di Teheran, innalzandone la qualità e i servizi ai massimi standard internazionali, oltre che per aumentare il numero dei passeggeri in transito sullo scalo ogni anno e i ricavi dei settori aviation e non aviation.

Una serie di incontri preliminari ha portato alla firma del Memorandum con il quale le due società hanno approvato una potenziale operazione congiunta per lo sviluppo dello scalo Mehrabad. SEA, come da accordi di fine febbraio, ha già realizzato un primo “concept” del progetto.

Il Memorandum sarà valido per un periodo di sei mesi, dopo i quali si procederà, in caso di approvazione, a discutere e negoziare la stipula del Joint Venture Agreement.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.