Varese News

Cultura

Se sognate un lavoro, ascoltate uno che l’ha portato in Borsa

Mercoledì 19 ottobre a Villa Recalcati Rosario Rasizza sarà il protagonista della serata "Openjobmetis: lavorare per il lavoro"

openjobmetis
rosario rasizza

È cavaliere del lavoro, ha quotato la sua agenzia per il lavoro in Borsa (la prima in Italia), è impegnato in vari progetti sul territorio: sponsorizza la squadra di basket nella massima serie e anche il Premio Chiara. Insomma, è un uomo che ha realizzato il suo sogno e in qualche modo vuole aiutare gli altri a fare lo stesso. Stiamo parlando di Rosario Rasizza, amministratore delegato di Openjobmetis, una delle più importanti agenzie per il lavoro italiane che ha la sua sede principale a Gallarate.

Rasizza è un uomo calmo, serafico. Ma come tutte le acque chete è in grado di smuovere ponti, anzi, li ha già smossi. Appena diplomato ha fatto il commerciale per un’azienda che poi ha pensato bene di licenziarlo. Non appena ha intravisto una possibilità con l’apertura del mercato del lavoro ai privati, l’ha perseguita con tenacia e volontà fino al successo. E siccome a Rasizza piace il tennis – faceva l’istruttore per arrotondare lo stipendio – non gli dispiacerà il paragone con il giovane tennista americano Michael Chang che nel 1989 agli ottavi finale del torneo Roland Garros abbatté il colosso Ivan Lendl, numero uno al mondo, con una battuta (nel senso di battuta di tennis) da principiante, cioè dal basso verso l’alto. Per riuscire nella vita ci vuole coraggio.

Mercoledì 19 ottobre alle 21 a Villa Recalcati Rosario Rasizza sarà il protagonista della serata “Openjobmetis: lavorare per il lavoro” nell’ambito del Premio Chiara e verrà intervistato dal giornalista Matteo Inzaghi.

 

 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.