Varese News

Varese Laghi

Tifoso della Benetton condannato per danneggiamenti al Palawhirpool

Aveva distrutto una balaustra: multa di 1200 euro e daspo per un trevigiano di 31 anni

Cimberio-Benetton 96-80 (inserita in galleria)
Cimberio-Benetton 96-80 (inserita in galleria)

Un tifoso della squadra di pallacanestro Benetton Treviso è stato condannato, dal tribunale di Varese, a una multa di 1200 euro per danneggiamenti perché ha distrutto una vetrata del palasport durante una partita di basket del 18 febbraio del 2011. Il giovane che è stato già sottoposto a un daspo  (contro cui ha fatto ricorso ma che è stato invece confermato dalla magistratura), a processo, davanti al giudice Fertitta, ha sostenuto che quel giorno egli era molto tranquillo, in tribuna, intento a  guardarsi la partita.

Era giunto a Varese insieme ad altri supporters della sua squadra e avrebbe, a suo dire assistito con pacatezza all’incontro. Non solo, l’uomo ha anche detto di aver saputo che l’autore del danneggiamento  fosse tale Enrico, anche se non ha aggiunto quale fosse il cognome e nemmeno è riuscito a fornire una descrizione fisica. Il pm Marco Brunoldi ha ottenuto la visione in aula di un filmato delle telecamere interne, in cui tuttavia si vede chiaramente che l’uomo, Davide V. di Treviso, era abbastanza agitato e prendeva a calci una balaustra.

Il giudice gli ha riconosciuto le attenuanti generiche ma c’è da dire che l’imputato non ha alla fine risarcito la società varesina. Aveva inizialmente chiesto quanto dovesse versare, e gli era stato risposto che quella balaustra era stata sostituita nell’ambito di una serie di lavori complessivi del Palawhirlpool e che dunque non c’era un conto specifico sul singolo pezzo. Tuttavia l’imputato non ha poi neanche proposto una cifra simbolica o riparatoria. Da notare che il giovane è stato denunciato dopo un’indagine della Digos di Varese, grazie a un efficiente sistema di videosorveglianza interna del palasport. Il 31enne è comunque un tipo agitato: ha già ricevuto delle condanne per guida in stato di ebbrezza e per porto di armi improprie.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.