Varese News

Salute

Convegno internazionale di ortoplastica: esperti a Varese

Si è svolta la seconda edizione del convegno dedicato a una branca ancora poco conosciuta nel nostro paese

sala operatori chirurghi chirurgia
sala operatori chirurghi chirurgia

Settimana scorsa si è svolta la seconda edizione del congresso congiunto di Chirurgia ortopedica e Chirurgia plastica.

Rispetto alla prima edizione, poi,  si è aggiunta un’ulteriore novità: nella seconda giornata, quella di venerdì, si è svolto un corso di dissezione, il primo in assoluto in entrambe le scuole di specialità nella nostra città e uno dei primi in generale nel Nord Italia.

Il congresso è stato organizzato dall’ASST dei Sette Laghi in collaborazione con l’Università dell’Insubria e ha avuto come Presidenti il professor Luigi Valdatta, Responsabile della Chirurgia plastica, e il professor Mario Ronga, ortopedico, mentre la segreteria scientifica è stata affidata al dott. Giacomo Riva e al dott. Mario Cherubino.

Il tema della prima giornata è stato analogo a quello del convegno, ovvero l’approccio combinato ortoplastico al paziente politraumatizzato con gravi lesioni e ingenti perdite di sostanza: sono intervenuti ospiti prestigiosi da tutta Europa, quali il Prof. Arnez da Lubiana, il prof. Radler da Vienna, il prof. Khan da Bristol, e alcuni dei più grandi esperti in Italia di fissazione esterna, come il dott. Kirienko.

Durante la seconda giornata, si è svolto un corso di dissezione, durante il quale l’ortopedico e il chirurgo plastico si sono cimentati in simulazioni di operazioni per situazioni critiche nel paziente con ingente perdita di sostanza. Si tratta del primo e unico cadaver lab ad approccio congiunto di tutta Europa.

«Il nostro intento – dicono gli specialisti coinvolti nell’organizzazione – è quella di ripetere l’anno prossimo l’evento, così che divenga un meeting imperdibile per gli addetti ai lavori e rappresenti un punto di riferimento culturale per un differente approccio futuro al paziente con gravi lesioni. All’estero si è già assai sensibili al problema e da anni si parla di ortoplastica: nel nostro paese questa filosofia non è ancora diventata patrimonio culturale diffuso e uno degli obiettivi futuri è quello di rendere il congresso un luogo di interscambio proficuo, che conduca, eventualmente, alla formazione di un vero proprio gruppo di specialisti italiani e stranieri interessati al grande traumatizzato».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 novembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.