Varese News

Busto Arsizio/Altomilanese

I parenti delle vittime del medico in caserma

Figli e fratelli dei 4 anziani per i quali il medico Cazzaniga avrebbe applicato il famigerato "protocollo" di morte, sono stati informati dai carabinieri nella mattinata di ieri

perquisizioni arresti ospedale Saronno
Carabinieri in ospedale, perquisizioni in corso

È toccato all’ex-comandante della Compagnia dei Carabinieri di Saronno, Giuseppe Regina, accogliere i parenti delle presunte vittime della coppia di amanti accusata dalla Procura di Busto Arsizio di aver causato la morte di 4 pazienti del Pronto Soccorso dell’ospedale di Saronno e di Massimo G., marito di Laura Taroni.

Galleria fotografica

Carabinieri in ospedale, perquisizioni in corso 4 di 17

Una lenta processione che è iniziata ieri mattina presto (martedì) di figli e fratelli che sono venuti a conoscenza dell’ipotesi di omicidio nei confronti dei loro cari.

Una ventina in tutto, sono stati ricevuti nella caserma di via Manzoni e sono stati messi al corrente dell’indagine, degli arresti e delle modalità con cui “dottor morte” Leonardo Cazzaniga avrebbe deciso di mettere la parola fine a quelle esistenze.

Facile immaginare lo sconcerto, l’incredulità, il dolore provato nel momento in cui hanno scoperto che dietro quel volto serio e istituzionale del medico che li aveva presi in cura, c’era l’orrore.

Le vittime sono Giuseppe Vergani di 74 anni, Luigia Lattuada di 77 anni, il 93enne Antonino Isgró, il 69enne Angelo Lauria.

 

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 30 novembre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Carabinieri in ospedale, perquisizioni in corso 4 di 17

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.