Varese News

Saronno/Tradate

L’ex-sindaco Porro: “Uno shock ma non perdete la fiducia nei medici”

Luciano Porro era il medico di base di una delle vittime e conoscente del medico Leonardo Cazzaniga. Anche lui è stato chiamato a testimoniare dalla Procura

Luciano Porro
Le foto delle elezioni amministrative a Saronno, candidati e campagna elettorale

L’ex-sindaco di Saronno Luciano Porro era il medico di base di Antonino Isgrò, una delle presunte vittime del dottor Leonardo Cazzaniga, entrato al Pronto Soccorso dell’ospedale per una frattura ad una gamba e deceduto dopo che – anche a lui – il medico aveva applicato il “protocollo”: «Qualche tempo fa sono stato chiamato dalla Procura per riferire sulle condizioni del mio paziente – racconta ancora scosso l’ex-primo cittadino – ho spiegato che il mio paziente, che ho in cura da tantissimi anni ed è anche un amico di famiglia, poteva essere caduto in quanto molto anziano ma non aveva particolari problemi di salute, nonostante il pacemaker. Se non si fosse rotto il femore, forse, oggi sarebbe ancora qui nonostante all’epoca avesse già 93 anni».

Porro traccia anche un profilo di Cazzaniga che conosce da 30 anni: «Abbiamo la stessa età – racconta – la nostra è una conoscenza che risale nel tempo e l’ho sempre giudicato un ottimo medico. Quello che è emerso mi ha lasciato senza fiato ma vorrei anche dire ai miei concittadini di non smettere di avere fiducia nella categoria e nell’ospedale di Saronno. All’interno della struttura lavorano ottimi professionisti».

Un appello accorato quello di Porro, da medico e da ex-sindaco: «Purtroppo di casi come questo ce ne sono stati e ce ne saranno ancora – spiega – è fisiologico ma non deve essere motivo di sfiducia. Lunedì sarò proprio all’ospedale per un piccolo intervento e quando lo dico in giro mi rispondono “ma come? Non vai in un altro ospedale?”, ecco credo che questo sia un atteggiamento sbagliato».

TUTTI GLI ARTICOLI SULLA VICENDA

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 01 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.