A Somma farmacie più sicure e sport senza barriere

La Spes pronta a investire 40 mila euro in opere e progetti, grazie ai finanziamenti ottenuti da bandi

piscina di somma lombardo

Farmacie più sicure e sport senza barriere per disabili. La Somma Patrimonio e Servizi apre il 2017 nel migliore dei modi e, grazie a una serie di bandi, ha già programmato nuovi investimenti e nuovi progetti.

«Nel secondo semestre del 2016 abbiamo partecipato a bandi di finanziamento di natura pubblica e privata, attraverso i quali siamo riusciti a portare sul nostro territorio quasi 40 mila euro – ha dichiarato Andrea Gambini, Amministratore unico della Spes – Questi finanziamenti ora verranno investiti su due nostri asset: quello dello farmacie, dove incrementeremo una serie di sistemi di sicurezza e quello relativo alla piscina e in particolare al progetto di acquaticità inclusiva, mirato a persone disabili, attività questa già avviata con successo da qualche mese e che ora potrà essere incrementata e potenziata».

Sono tre i bandi assegnati a SPES Sport: uno erogato da Regione Lombardia finalizzato alla parziale copertura delle spese ordinarie (5 mila euro). Gli altri due, uno propedeutico all’altro, per l’avvio di progetti aventi come scopo l’inclusione sociale mediante l’attività natatoria presso l’impianto di via Palestro. Nel primo caso, Fondazione Comunitaria del Varesotto ha erogato 15 mila euro per il progetto di acquaticità avviato a settembre in via sperimentale. Sulla base degli ottimi risultati ottenuti da questa iniziativa, Spes in partenariato con Anfass Ticino Olona onlus, ha sviluppato un percorso più strutturato e partecipato a un bando di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, nell’ambito “Sport: occasione per crescere 2016”. «Uno degli obiettivi fissati per la gestione della piscina era quello rendere l’impianto accessibile a tutti, anche alle persone portatrici di handicap. Questo significa abbattere sia le barriere architettoniche ed è stato fatto con un’opera specifiche di manutenzione, sia quelle sociali e quindi facilitare sempre più l’accesso in vasca e l’assistenza agli utenti. Un’iniziativa di inclusione che ha trovato un ottimo riscontro e per questo abbiamo deciso di aderire al bando e ampliare ancor di più questa opportunità». I soggetti portatori di disabilità potranno così continuare a usufruire, a titolo gratuito, della struttura di via Palestro ricevendo al contempo il supporto di istruttori ed educatori. «Non solo – ha spiegato Gambini – ma grazie anche al finanziamento di 15 mila 400 euro possiamo metterci a disposizione di altre realtà del privato sociale, o di privati cittadini, che hanno la necessità di essere ospitati all’interno del progetto».

Si lavora anche sul versante delle farmacie gestite da Spes. I finanziamenti ottenuti (circa 3 mila euro) serviranno per potenziare i livelli di sicurezza della Farmacia Comunale di via Pastrengo, mediante il posizionamento di dispositivi per l’illuminazione notturna esterna, in quanto l’area risulta non sufficientemente illuminata. Verranno inoltre rinnovati i macchinari per la rilevazione di banconote false.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.