Anche i giocatori dell’Angerese si mobilitano per l’ospedale

Gli atleti e i dirigenti della squadra di calcio della città hanno avuto mogli e compagne che hanno partorito all'Ondoli. «Ricordiamo quell'esperienza con grande affetto e stima nei confronti di una valida struttura»

allagamento ospedale di angera
la rottura di un grosso tubo ha allagato tre camere del reparto di medicina al terzo piano

Oggi, lunedì 30 gennaio, allo stadio comunale Dal Molin di Angera i giocatori e i dirigenti dell’Angerese hanno manifestato la loro solidarietà al Gruppo mamme che da dicembre manifesta con un presidio permanente contro la chiusura del reparto di pediatria e del punto nascita dell’ospedale Ondoli. Alcuni membri dell’Angerese infatti hanno avuto mogli e compagne che hanno partorito ad Angera e si sono sentiti perciò in dovere di sostenere la protesta. «Ricordiamo – hanno detto gli atleti – con profonda stima e affetto le amorevoli cure che hanno ricevuto durante la degenza ospedaliera al Carlo Ondoli dove si sono sentite incoraggiate ad imparare il mestiere più difficile del mondo, ovvero quello di diventare mamme. Lo scopo di una squadra di calcio non è solo vincere ma anche combattere in nome dei diritti e dei valori».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.