Andrà in Venezuela la maxicolonna che ha bloccato la Varesina

Il trasporto eccezionale che giovedì sera è transitata sulla strada verso Saronno pesava 20 tonnellate ed è stato realizzato dalla Cares di Lonate Ceppino

trasporto eccezionale cares lonate ceppino
foto del saronnese che non vanno in nessuna categoria

Ieri sera, giovedì alle 22.00, dai cortili della Società Cares Impianti di Lonate Ceppino è partito il trasporto eccezionale della colonna di purificazione a piatti con destinazione Genova per poi essere imbarcata alla volta del Venezuela.

La colonna in acciaio inossidabile aveva una lunghezza di 40 metri per un peso di circa 20 tonnellate. Per il suo trasporto eccezionale è stata necessaria una scorta tecnica di 10 persone e 4 automezzi e l’utilizzo di un camion Stralis da oltre 500 cavalli.

Il trasporto lungo la Varesina, da Lonate Ceppino a Saronno, per imboccare l’autostrada ha destato molta curiosità da parte degli automobilisti e delle persone che uscivano dai locali per fotografare l’eccezionale colonna e le incredibili manovre dell’autista e della sua scorta tecnica per poter affrontare tutte le rotonde lungo il percorso.

Con orgoglio e soddisfazione anche i fratelli Restelli, titolari della Cares Impianti, hanno voluto seguire la colonna per qualche chilometro accompagnati dal loro dipendenti che non hanno voluto perdersi l’emozione di veder partire il risultato di tanto lavoro fatto insieme dimostrando che, anche le PMI italiane come la Cares Impianti e la loro consociata Sti Engineering di Roma, sono in grado di realizzare grandi opere destinate ai mercati internazionali.

L’azienda nasce nel 1964 a Lonate Ceppino. Inizia la sua attività con la produzione di strutture metalliche e accessori per impianti industriali, dagli anni ‘90 agli anni 2010 si espande diventando costruttrice di svariate tipologie di apparecchi in pressione. Negli ultimi anni la Cares acquisisce delle importanti certificazioni di qualità quali ISO 9001, ASME U-Stamp, National Board e recentemente ISO 3834-2.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.