Auguri Olga Fiorini: la scuola festeggia la sua fondatrice

Ci sarà anche il sindaco Antonelli venerdì 13 gennaio per il novantesimo compleanno

olga fiorini festa

Compie 90 anni la signora Olga Fiorini, fondatrice e tuttora anima degli istituti superiori a lei intitolati: venerdì 13 gennaio sarà perciò un giorno di grande festa nella sede scolastica di via Varzi, dove alle 11 il sindaco Emanuele Antonelli porterà l’omaggio della città alla mitica insegnante, vera e propria pagina vivente della storia di Busto Arsizio.

Per l’occasione la signora Olga riceverà gli auguri dei circa mille alunni del polo scolastico cui diede vita lei stessa più di 60 anni fa e al quale si dedica ancor oggi con molta passione, prendendosi davvero a cuore il percorso di formazione e di crescita dei ragazzi.

Vogliono dunque essere un segno di gratitudine nei suoi confronti i festeggiamenti che, venerdì mattina, coinvolgeranno l’intera comunità scolastica diretta da Mauro Ghisellini e coordinata dalla preside Anna Longo.

Quella degli istituti Fiorini è una storia cominciata negli anni Cinquanta, quando la signora Olga, classe 1927, dopo essersi diplomata all’Università di Bologna e aver lavorato in Svizzera e Germania, affiancò all’attività di sartoria da lei avviata sul territorio di Busto Arsizio l’insegnamento di questo mestiere ai giovani in quella che era la “Manchester d’Italia”, una delle città più fiorenti nel campo del tessile e dell’abbigliamento.

In questo campo la”storica” insegnante si è a tutti gli effetti rivelata pioniera. Tant’è vero che i corsi professionali, riconosciuti ufficialmente nel 1956, hanno segnato l’avvio di quello che sarebbe poi diventato un ampio polo scolastico, dove il settore del fashion rappresenta tuttora uno dei fiori all’occhiello di una realtà formativa capace di stare al passo coi tempi: all’istituto tecnico del Sistema Moda e al corso professionale per Operatore dell’abbigliamento, infatti, si aggiunge dallo scorso settembre l’innovativo liceo per aspiranti stilisti.

La scuola Fiorini offre inoltre altre proposte didattiche all’avanguardia: l’istituto tecnico di Grafica e comunicazione, il liceo dello sport “Marco Pantani”, primo liceo sportivo inaugurato in Italia, il liceo delle Scienze Umane “Progetto Spettacolo” e il Liceo internazionale per l’Innovazione, percorso quadriennale che consente agli studenti di diplomarsi a 18 anni, in linea con i loro coetanei dei Paesi europei ed extrauropei.

La signora Olga ha visto premiata la propria opera di “imprenditrice dell’educazione” con diversi riconoscimenti, tra i quali spiccano il titolo di ufficiale al merito della Repubblica italiana, che le è stato conferito nel 2010, e l’onorificenza più prestigiosa della Lombardia: la Rosa Camuna, di cui è stata insignita nel 2000 da parte della giunta regionale. Altri attestati di stima nei confronti della fondatrice dell’istituto erano arrivati, negli anni precedenti, dalla Camera di Commercio Industria e Artigianato della Provincia di Varese, che nel 1999 le aveva assegnato la medaglia d’oro al Lavoro e al Progresso economico, dall’Associazione Radiantistica Bustese, che nel 1988 le attribuì il premio “Donna più” per la sensibilità dimostrata verso i problemi dei giovani, e dal settimanale “Amica”, che nel 1966 le conferì il Diploma d’onore per essere stata tra le sarte più votate in un referendum indetto dal periodico: un riconoscimento che le valse l’ingresso nell’Albo d’oro delle Sarte d’Italia.

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.