“Auschwitz è qui. È accaduto, può accadere di nuovo”

Gli studenti degli istituti Olga Fiorini incontreranno giovedì 26 gennaio il professor Raffaele Mantegazza docente della Bicocca per riflettere sul "Giorno della Memoria"

giorno della memoria
giorno della memoria

“Auschwitz è qui. È accaduto, può accadere di nuovo”: questo il titolo dell’intervento che l’insigne pedagogista Raffaele Mantegazza terrà nella mattinata di giovedì 26 gennaio ai Molini Marzoli, dove gli studenti degli istituti superiori “Olga Fiorini” e del liceo “Marco Pantani” si riuniranno per celebrare la Giornata della memoria.

L’appuntamento è per le 9.45: gli alunni dello storico polo scolastico avranno così la preziosa opportunità di ascoltare la “lectio magistralis” dell’illustre professore, docente all’Università di Milano Bicocca, invitato dalla preside Anna Longo, particolarmente competente sul tema della Shoah, cui ha dedicato numerosi progetti didattici.

L’incontro con Mantegazza rappresenta la prima di tre iniziative proposte dal polo scolastico di via Varzi in occasione della commemorazione del genocidio nazista degli ebrei: ricorrenza che cadrà venerdì 27 gennaio. Proprio in questa data, nello stesso giorno in cui, 72 anni fa, le truppe dell’Armata Rossa liberarono il lager di Auschwitz, tutte le classi degli istituti Fiorini-Pantani si collegheranno in diretta con il Binario 21 della Stazione Centrale di Milano, da dove partivano i convogli carichi di deportati verso i campi di concentramento e di sterminio.

Dal 6 marzo al 4 aprile gli alunni avranno inoltre modo di visitare la mostra “I genocidi del XX secolo”, allestita in Villa Tovaglieri a Busto Arsizio e curata dal Mémorial de la Shoah di Parigi.

L’esposizione, promossa anche dalla scuola di via Varzi, è patrocinata dall’amministrazione comunale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.