Becchio: «Tante avversarie dure ma il nostro obiettivo è il primo posto»

L’ala del Varese: «Il girone è tosto, ma abbiamo ben chiaro dove vogliamo arrivare»

andreas becchio

Il Varese domenica è tornato alla vittoria sul campo della Folgore Caratese, una bella iniezione di fiducia per i biancorossi dopo il ko alla prima giornata contro il Cuneo. Parte del merito va anche ad Andreas Becchio, uno dei migliori in campo a Carate Brianza e uno degli elementi più positivi in questa stagione nella rosa di mister Ciccio Baiano.

Andreas, come sta il Varese?
«Siamo un’ottima squadra, un buon gruppo e lo abbiamo dimostrato. Non è l’Eccellenza, lo sapevamo, ma stiamo reagendo ed è nostra intenzione proseguire su questa onda positiva».

Il Varese ha però perso negli scontri diretti. Secondo lei qual è il motivo?
«Non mi sono fatto un’idea precisa. Cerchiamo semplicemente di dare il massimo a ogni partita con lo spirito giusto, sapendo qual è il nostro obiettivo».

Che idea si è fatto invece della Serie D?
«A inizio anno tutti snobbavano il Girone A, bollandolo come un raggruppamento facile. Invece è un girone tosto, con tante squadre all’altezza e la classifica corta lo dimostra».

Quali sono le avversarie più temibili?
«Il Cuneo sta facendo molto bene e sono convinto che alla fine arriverà nelle primissime posizioni. Hanno dimostrato il proprio valore anche la Caronnese e il Chieri, squadre molto forti».

Lei personalmente sembra essersi adattato meglio alla Serie D che all’Eccellenza. È così?
«Mi sto rendendo conto che in effetti ho preso meglio le misure in questo campionato che non l’anno passato. Magari la passata stagione ho avuto un po’ meno spazio, invece quest’anno mi sono adattato molto bene allo schema di mister Baiano, trovando il giusto spazio in campo e con i compagni».

Qual è il suo obiettivo personale?
«Spero di continuare a giocare titolare e di incidere positivamente per raggiungere l’obiettivo primo posto».

Quali sono i difetti che il Varese dovrà limare per raggiungere i professionisti?
«Dopo ogni partita studiamo soprattutto le cose che i partita abbiamo sbagliato, dopo le sconfitte ma anche a seguito di vittorie. In assoluto credo che potremmo migliorare la gestione della palla, ma le qualità le abbiamo e in campo anche domenica si è visto».

Le strada è quindi tracciata, mancano ancora tante giornate alla fine del campionato e tante sorprese ci aspettano in questo Girone A di Serie D. Il Varese e Andreas Becchio l’obiettivo però ce l’hanno ben chiaro in testa. Ora sta al campo, come il calcio ci ha sempre insegnato.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 18 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.