Comunità Giovanile: “Anche noi in prima linea per i senzatetto”

Lo fa sapere Matteo sabba, referente dell'associazione. "Così diamo un po' di dignità e compagnia agli amici della stazione, agli sfortunati del nostro territorio"

clochard prima
clochard prima

La città è viva per aiutare il prossimo, e lo dimostra la richiesta di attenzione da parte dell’associazione “Comunità Giovanile” di Busto Arsizio che vuole aggiungere anche la propria testimonianza nel supporto alle persone svantaggiate e senza tetto, che in queste notti di gelo trovano riparo nei dormitori vicini alla stazione.

Matteo Sabba, referente di Comunità Giovanile sottolinea che «i pasti per 3 giorni su 7 vengono preparati, cucinati, e serviti dai volontari che fanno a capo a CG e con il mirabile lavoro al lunedi di un’associazione evangelica».

«Sono decine e decine di volontari che ormai da anni hanno rinunciato ai loro weekend serali decidendo di far parte di una sigla coniata felicemente da Massimo Crespi “Quelli della tavola” per dare un po’ di dignità e compagnia agli amici della stazione, agli sfortunati del nostro territorio», in quasi meta settimana, aggiunge Sabba.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.