“Con l’antibivacco meno bottiglie in piazza”

Secondo il vicesindaco gli effetti della maleducazione sono diminuiti grazie all'ordinanza antibivacco

antibivacco

“Durante la pulizia mattutina, martedì alle 7 e 30, gli operatori dell’Aspem hanno ravvisato una diminuzione di spazzatura molto sensibile in Piazza Repubblica”. Lo afferma il vicesindaco, Daniele Zanzi, commentando i primi effetti delle sanzioni antibivacco in piazza, come da applicazione dell’ordinanza del sindaco Davide Galimberti, che andrà avanti fino al 28 febbraio (nella foto, alcune bottiglie confiscate il 9 gennaio).

Galleria fotografica

antibivacco 4 di 8

“Questa mattina, gli operatori di Aspem hanno trovato in piazza solo quattro bottiglie – rivela l’assessore alla sicurezza – normalmente, ogni mattina, ne raccoglievano almeno quaranta. Il risultato è ottimo. Forse non abbiamo risolto tutti i problemi, ma credo che già da ieri abbiamo dato un bel segnale per il decoro e la sicurezza dei cittadini”.

Il vicesindaco ha seguito, lunedì 9 gennaio, i pattugliamenti coordinati dalla polizia locale per far rispettare l’ordinanza, che prevedono come sanziona principale il sequestro e la confisca di cibi e bottiglie. “Sono stati effettuati cinque passaggi nelle vie coinvolte – afferma Zanzi – è stato chiesto alle persone di non bivaccare e sono state anche sequestrate una decina di bottiglie. Il risultato mi sembra incoraggiante. La piazza mi è sembrata migliorata. Solo fino a pochi giorni fa, ho visto dei ragazzi bivaccare e rivolgere apprezzamenti verso due ragazze di 17 anni. Una brutta scena. Sono intervenuto per difenderle. Inoltre, da quando abbiamo installato la luce sotto la sala antincendio del teatro di Varese devo dire che non si trova più, ogni mattina,  lo scempio di feci e bottiglie come prima. Andremo vanti in questa direzione”.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 10 gennaio 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

antibivacco 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.