Derubata nel parcheggio del supermercato, ladri in manette

I carabinieri di Rho sono intervenuti dopo la segnalazione di un collega libero dal servizio che ha assistito alla scena. Uno dei due era stato condannato per violenza sessuale

rapina carabinieri
Arma (giocattolo) in pugno si erano appropriati di 36 mila euro all'interno dell'ufficio postale di Rescalda, frazione di Rescaldina, ma sono stati subito arrestati dai carabinieri di Legnano e di Desio

Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Rho hanno tratto in arresto due peruviani di 46 e 49 anni, irregolari, già noti alla Giustizia, ritenuti responsabili di furto aggravato in concorso. Un carabiniere della locale Stazione, libero dal servizio, è intervenuto in soccorso di una 67enne che chiedeva aiuto dopo essere stata derubata della borsa nel parcheggio di un supermercato di Rho.

La vittima, mentre caricava sulla propria automobile la spesa appena acquistata, aveva sentito il rumore di spiccioli cadere a terra e contestualmente era stata invitata a raccoglierli da due sconosciuti, che le indicavano le monete, asserendo che le erano certamente scivolate di tasca.

L’attimo di distrazione della donna ha consentito ai due malviventi di rubarle la borsa e darsi alla fuga a bordo di un’utilitaria. Il militare, udite le richieste d’aiuto e avendo intuito l’accaduto, con la propria auto si è posto all’inseguimento dei ladri, aggiornando costantemente la Centrale Operativa in merito alla direzione di fuga. I fuggiaschi sono stati bloccati in via De Gasperi, grazie all’intervento di alcune pattuglie che hanno bloccato la strada.

La perquisizione del veicolo ha consentito di recuperare non solo la borsa asportata, subito restituita, ma anche grimaldelli e strumenti utili allo scasso e alla rimozione delle placche antitaccheggio, nonché capi d’abbigliamento nuovi dei quali i malviventi non hanno saputo indicare la provenienza.

Dalle verifiche sull’identità degli arrestati, inoltre, è emerso che il 49enne era destinatario di ben tre ordini di carcerazione, con condanne a oltre 2 anni di reclusione per violenza sessuale, un anno per reati contro il patrimonio e 7 mesi per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Gli arrestati, dopo il giudizio direttissimo tenutosi nella mattinata odierna, sono stati condotti a San Vittore.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.