Handicap Sport, tante novità per il ritorno in Europa

A inizio febbraio la squadra varesina parteciperà alla prima fase di Champions Cup. Sulle maglie il marchio Siloe, legato a Gianfranco Ponti

Basket in carrozzina Varese presentazione 2107

Un’annata difficile in Italia, ma con la possibilità di provare a fare strada in Europa. È la parabola di questa stagione per la Handicap Sport Varese, la formazione di basket in carrozzina che per la terza volta consecutiva cerca gloria in una competizione internazionale.

Non una coppa qualsiasi, perché Varese è stata ammessa tra le 15 società che parteciperanno alla Champions Cup, in pratica “l’Eurolega seduta”, insieme ad altre tre italiane e cioè Cantù, Porto Torres e Giulianova. Per l’occasione, la HSV vestirà una maglia nuova di zecca (curiosamente biancoblu, colori che nel basket cittadino in genere sono associati alla rivale per eccellenza: scelta che non condividiamo ndr) come nuovo è l’abbinamento che nella circostanza sostituisce il marchio Cimberio, quello che da anni sostiene la società del presidente Marinello. Si tratta della Siloe, azienda della provincia di Vicenza attiva nel campo della pelletteria d’alta gamma, una società legata al finanziere Gianfranco Ponti che è già tra i sostenitori dell’Handicap Sport.

Il via all’operazione Champions è stato dato questa mattina, lunedì 16 gennaio, a Palazzo Estense dove la città – attraverso le cariche istituzionali – hanno “benedetto” la trasferta dell’Handicap Sport che sarà in Germania il 3 e 4 febbraio per la prima fase di coppa. Uno scoglio già duro: il concentramento di Elxleben conta cinque partecipanti (oltre a Varese ci sono i Thuringia Bulls padroni di casa, i turchi del Besiktas, gli israeliani dell’Ilan Ramat Gan e i francesi del Meaux) ma solo le prime due classificate passeranno il turno. La Siloe Varese però può ugualmente puntare a un piazzamento: la terza squadra parteciperà infatti alla Vergauwen Cup, la quarta alla Brinkmann Cup e solo l’ultima lascerà l’Europa.

Basket in carrozzina Varese presentazione 2107
Marinello e Ponti

«Partiremo fisicamente con i pullmini, come già accaduto in passato, e metaforicamente con i piedi per terra perché sappiamo che in questa manifestazione ci sono molte squadre di alto livello – spiega il presidente Carlo Marinello – Siamo alla quarta stagione in Serie A, alla terza partecipazione in Europa e tutto ciò ci onora: la nostra intenzione è quella di fare bella figura. L’arrivo di un ulteriore sponsor come Siloe e la vicinanza di Ponti sono ulteriori stimoli, e noi non possiamo che ringraziare di questa attenzione».

Gianfranco Ponti è l’uomo che meno di due anni fa provò a entrare in Pallacanestro Varese, senza però trovare l’accordo con l’attuale proprietà e cioè con il consorzio Varese nel Cuore. Per lui però, è importante sostenere la HSV e la sua attività sportiva: «Tante volte, giustamente, parliamo di questo club con accenni al sociale, perché è vero che l’attività dell’Handicap Sport è notevole. Non dimentichiamo però l’aspetto prettamente atletico di questi ragazzi, giocatori che sono sportivi a 360 gradi come si capisce quando si assiste a uno dei loro match». Un invito, quello di sedersi in platea in occasione di una partita, rilanciato dal sindaco Galimberti, dall’assessore De Simone e dal presidente del consiglio comunale Malerba, tutti presenti al “lancio” della Siloe in campo europeo. Con il “regista” di giornata, Roberto Bof, a sottolineare come la partecipazione in città sia sempre viva nei confronti dell’Handicap Sport, nonostante una stagione difficile.

La squadra di coach Pruneri infatti è incappata ieri in un’altra sconfitta, 52-57, contro la forte Giulianova. La vittoria di Bergamo su Padova inoltre ha riacceso la bagarre per evitare la retrocessione: Varese, con 4 punti, è dietro ai veneti (6) e precede orobici e Sassari, entrambi a quota 2. Buone notizie però dai singoli: l’inglese Warburton è stato tra gli artefici dell’argento della nazionale britannica agli Europei under 22 dove l’Italia dei varesini Nava e Segreto è arrivata quarta, qualificandosi per il prossimo Mondiale di categoria.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 16 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.