I sindaci più amati, Galimberti è 80esimo

E' uscita la classifica con il gradimento dei sindaci. Per la prima volta compare il neo sindaco, ma non è andato benissimo rispetto ai colleghi

Galimberti Centrosinistra Varese

Chiara Appendino è la numero 1, il sindaco di Torino del M5s è infatti la vincitrice dell’annuale classifica del Sole24ore sul gradimento dei sindaci dei capoluoghi di provincia in Italia. Davide Galimberti, sindaco di Varese, è all’80esimo posto. Un risultato inferiore rispetto a quello di Attilio Fontana nel 2015, l’ex sindaco leghista che lo scorso anno si piazzò al 30esimo posto in classifica con il 56%.

Galimberti nella speciale classifica ha un gradimento del 50% secco. Il giornale calcola che fu eletto (appena pochi mesi fa, peraltro, a giugno) con il 51,8% dei voti (al ballottaggio) e quindi conclude che ha perso l’1,8%. Se calcolati sulla Lombardia, i dati indicano come penultimo Davide Galimberti, cioè nono. Il primo è Roberto Scanagatti sindaco Pd di Monza (59%).

C’è anche la classifica dei presidenti di Regione. Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni è terzo dopo Luca Zaia (Veneto) e Enrico Rossi (Toscana).

I dati della classifica sono stati elaborati attraverso un sondaggio di opinione Ipr Marketing. Molti politici affermano di non credere ai sondaggi, è vero, ma in genere queste classifiche diventano oggetto di dibattito sulla bontà di una amministrazione locale. Alcuni consiglieri di opposizione sottolineano, a mezzo facebook, che si tratta di un cattivo risultato.

GALIMBERTI: IL 50% NON E’ MALE MA CRESCERA’

Il sindaco di Varese invece commenta che avere il gradimento del 50% dei varesini è un buon risultato.“Il fatto che il 50% dei varesini sostenga l’attuale amministrazione è un fatto estremamente positivo, è stato mantenuto il consenso del ballottaggio ed incrementato di molto quello del primo turno e questo non era scontato vista la situazione che abbiamo ereditato dopo anni di totale immobilismo e lo scetticismo nei confronti di un’amministrazione di centro sinistra in una città che, non a caso, non ha praticamente mai avuto un sindaco di centro sinistra. L’incisiva e concreta proposta di cambiamento contenuta nel programma amministrativo che ha portato alla vittoria della coalizione ha bisogno di un po’ di tempo.

Nessuno ha la bacchetta magica. Il sondaggio del Sole 24 ore è stato realizzato a novembre, dopo solo 5 mesi dal nostro insediamento. Nel primo periodo abbiamo messo le basi per cambiare la città e abbiamo ottenuto i primi risultati concreti (finanziamento delle stazioni, riavvio del progetto di piazza Repubblica, riorganizzazione della macchina comunale, variante al PGT, piano del turismo e della cultura) ma per far ripartire Varese davvero serve del tempo.

I cittadini però, giustamente, vogliono rendersi conto con i fatti che molto è cambiato e per fare questo dobbiamo concretizzare i progetti che abbiamo messo in campo e molti altri che sono ancora in fase di elaborazione. Ogni giorno ricevo costanti incoraggiamenti a proseguire nella direzione assunta, e questo è un ulteriore segno che stiamo facendo bene. Sono sicuro che quando i varesini avranno la possibilità di toccare con mano le cose fatte anche i sondaggi saranno più generosi”.

Questo il commento di Davide Galimberti in merito alla classifica del Sole 24 Ore sui sindaci dei capoluoghi italiani.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 16 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Mettere la Appendino al primo posto, assegnarle tutti i meriti, senza tener conto che non ha ereditato una città ed un bilancio allo sfascio come la sua collega Raggi a Roma è praticamente vivere con le fette di salame sugli occhi ed una buona dose di fanatismo da movimento.