I volontari Sea e Parco del Ticino al lavoro in Abruzzo

I volontari da Arsago Seprio, Gallarate, Golasecca, Magenta, Pavia, Sesto Calende, Turbigo portano mezzi a L'Aquila. Partito da Malpensa anche uno spazzaneva a fresa messo a disposizione da Sea

capitignano volontari parco del ticino

Il terremoto mette ancora una volta  in ginocchio le popolazioni del centro Italia e a rendere  la situazione più difficoltosa ci si è messa anche la neve caduta copiosa. Il Corpo Volontari del Parco del Ticino ha messo a disposizione uomini e mezzi per rispondere a questa nuova grande emergenza.

Su richiesta di Protezione Civile Regione Lombardia, una delegazione di quattordici volontari è partita giovedì scorso in aiuto alle popolazioni del centro Italia. Due volontari del Parco del Ticino con un bilico hanno garantito il trasporto di una grossa fresa da neve messa a disposizione da SEA (aeroporto di Malpensa), insieme ad altro personale volontario Sea, con destinazione il Comune di Montorio al Vomano (TE). Il materiale è stato regolarmente consegnato nella serata di giovedì, dopo un viaggio di circa 12 ore: Sea ha messo a disposizione dodici volontari specializzati nella conduzione e manutenzione dei mezzi speciali, oltre a un’officina mobile.

Altri dodici volontari, del parco da Arsago Seprio, Gallarate, Golasecca, Magenta, Pavia, Sesto Calende, Turbigo, sono partiti ieri intorno alle ore 16 per l’Aquila muniti di mezzi spalaneve (Bobcat, terna), pale e badili. I volontari stanno hanno operato inizialmente in condizioni particolarmente disagiate, senza corrente elettrica e senza acqua corrente.

I mezzi particolari sono stati messi a disposizione da Sea, in accordo con il Comune di Milano, per venire incontro all’emergenza nazionale. E soddisfazione per la risposta pronta viene anche dalle file del Parco del Ticino: «Ancora una volta il nostro Ente ha saputo rispondere con immediatezza  alla richiesta di Regione assicurando uomini e mezzi pronti alla partenza nel giro di quattro ore dalla richiesta-  commenta il presidente del Parco del Ticino, Gian Pietro Beltrami – . Siamo orgogliosi del nostri volontari e del prezioso contributo che riescono sempre  a garantire in queste drammatiche situazioni sia in termini lavorativi che umanitari. A dimostrazione che il loro impegno non è solo limitato alla tutela del Parco ma dell’intero territorio nazionale, dove è stato impiegato più volte negli ultimi decenni. Questo grazie anche ai 300 volontari che rendono la nostra Protezione Civile il gruppo più numeroso e il più efficiente della Lombardia».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da brupaoli

    Grande SEA che trae la sua forza dalla fibra morale e dalla forza del Personale che fa la GRANDEZZA di questa’Azienda!!!
    Magari la Società e gli Uomini e Donne che vi operano gradirebbero un minimo segno d’apprezzamento da parte di Sindaci e Istituzioni del territorio…!!!
    BP