Il difficile percorso della Ztl

Lettera della figlia di un varesino disabile, alla cui macchina sono state comminate multe per il passaggio nella ztl. "Non sapevamo dell'obbligo di registrazione, non era mai stato necessario"

Ztl Giovine Italia, Donizetti, Rossini: primo giorno (inserita in galleria)
Ztl Giovine Italia, Donizetti, Rossini: primo giorno (inserita in galleria)

E’ ancora difficile il percorso della Ztl in piazza Giovine Italia, via Donizzetti e limitrofi a Varese.

Nata oltre un anno fa, la Zona a Traffico Limitato è vigilata da telecamere intelligenti, che riescono a “leggere” le targhe delle auto che passano all’interno. Chi ha diritto di evitare la ztl deve registrare perciò, innanzitutto, la targa della sua auto, anche se fa parte di quelle categorie (disabili o residenti, per esempio) che fino ad ora entravano senza ulteriori formalità.

Una situazione già segnalata più volte, ma che continua a mietere “vittime” tra chi non si è ancora registrato. Come testimonia la lettera di una lettrice, che può  essere di aiuto tra chi non si è ancora registrato pur avendone diritto.

Buongiorno,
mi chiamo Lavinia de Martino e scrivo in rappresentanza dei miei genitori.
Mio padre, purtroppo disabile e non più in grado di guidare, è in possesso del permesso per invalidi da almeno due, ultimo rinnovo avvenuto ad agosto di quest’anno tant’è che la data di scadenza del permesso è 21.08.2021 l’accompagnatrice è mia madre anch’essa persona di una “certa età”.

La presente per comunicarVi che neanche in occasione del rinnovo del tagliando invalidi nessuno ha avvertito mia madre che dal 7 novembre sarebbe stato necessario registrarsi per il transito nella Via Donizzetti, piazza Giovane Italia e via Rossini dove mia madre si reca spesso in quanto la loro D.ssa di base ha lo studio in p.zza Carducci

Certo hanno messo i cartelli ma va da sé che soprattutto le persone anziane hanno gli occhi incollati alla strada mentre guidano e soprattutto non sono in possesso di mail per poter comunicare così come indicato e devono in caso sia loro possibile rivolgersi ad altri.

Chi è in possesso del tagliando disabili, da sempre, sa che può transitare in zone a traffico limitato senza alcun dovere di comunicazione e registrazione presso la Polizia locale: vedi Via Morosini, Via Marcobi, Via Veratti arrivando da viale Aguggiari ecc. ecc.

Vi assicuro , e parlo a nome di mia madre ma anche a nome di tante altre persone che hanno ricevuto contravvenzioni martedì 3 gennaio e che ieri come me si sono recate agli uffici in Via Sempione per avere chiarimenti, che tutte le persone in possesso di tagliando invalidi non si sono poste minimamente il problema e questo a mio modesto parere a causa della pessima comunicazione dell’uso della Ztl.

Ora, lunedì mia madre pagherà la multa di Euro 71,00 altrimenti scadono i 5 giorni dal ricevimento e l’importo potrebbe raddoppiare.
Ci hanno consigliato che potremmo fare ricorso al Prefetto ma se non passa dobbiamo pagare Euro 220. Ci hanno comunicato che sono in arrivo altre due multe, ci sono persone che ne hanno ricevute più di dieci!!! Tipo due signori che ritirano la posta ogni giorno!!! Immaginatevi quante !

Ieri presso gli uffici locali della Polizia ed essendo venuti a conoscenze delle direttive abbiamo potuto fare la registrazione di transito abituale in zona ZTL e ci abbiamo messo 5 minuti ……

Spero insieme al gruppo che ho incontrato ieri di non dover pagare le altre due multe in arrivo e che possiate aiutare tante persone, soprattutto anziani ai quali di sicuro non si può dare l’appellativo di “furbetti”

Vi ringrazio per l’attenzione.
Un cordiale saluto

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo_colombo

    Tanto per cominciare se lo studio della dottoressa è in piazza Carducci cosa c’entra il fatto di passare nella ZTL. I disabili devono avere accesso in zone ZTL solo se vi abitano e non, come fanno tanti solo per comodità. Provate a passare per esempio in via Cimarosa e noterete un sacco di auto, anche di grossa cilindrata, che molto probabilmente sono guidate da familiari degli aventi diritto senza che il disabile sia presente.