L’arte di Simonelli per ricordare la deportazione dei lavoratori della Ercole Comerio

Spazio Arte Carlo Farioli ospita le opere dell'artista in occasione 73° anniversario del tragico avvenimento. Un’esposizione suggestiva di lavori di impegno civile come stimolo alla Memoria, per “non dimenticare”

Arte - Mostre
pittori, quadri, dipinti, sculture

In occasione del 73° anniversario della deportazione nei campi di sterminio di alcuni lavoratori della Ercole Comerio di Busto Arsizio, Spazio Arte Carlo Farioli presenta la mostra “O Terra di Ionia” dell’artista Federico Simonelli. Inaugurazione sabato 14 gennaio ore 16.00.

Dopo l’esposizione dedicata lo scorso anno, allo scultore Franco Fossa, continua l’impegno dell’Associazione che, attraverso l’espressione artistica, intende partecipare e contribuire alla storia culturale della città. Anche quest’anno in collaborazione con la RSU Comerio e con l’azienda stessa, l’Associazione presenta, nell’ambito degli appuntamenti previsti dalla Commemorazione, un’esposizione suggestiva di lavori di impegno civile come stimolo alla cittadinanza e alla tematica della Memoria, per “non dimenticare”.

La mostra presenta una serie di opere realizzate dall’artista Federico Simonelli che si ispira a un lavoro di ricerca sulla temporalità dell’esistenza. Il titolo dell’esposizione è mutuato dai versi di una poesia di Kavafis, (O terra di Ionia) il più grande poeta alessandrino, che nel suo accorato grido piange la sua terra d’elezione (la Grecia) calpestata e distrutta dai conflitti bellici. Nel suo canto il dolore per gli antichi dèi abbattuti, distrutti, diventano il pretesto per il dolore collettivo.

La drammaticità di quegli anni prende forma attraverso sculture e dipinti realizzati da Simonelli in differenti tecniche. In particolare il grande pannello dal quale prende il titolo la mostra evidenzia una serie di sagome di soldati, a capo chino, che camminano e si muovono a fatica in una densa nebbia di fumo. Un silenzio assordante accompagna la drammaticità della scena resa ancor più reale dai toni brumosi del dipinto stesso. Ad ogni passo sembrano “sprigionarsi” nuvole di polvere e terra, si sentono i rumori degli scarponi che affondano nel terreno mentre nell’aria si acuisce l’odore dei proiettili . Davanti al ricordo di quell’apocalisse si apre una voragine dantesca tinta di grida e lamenti. Lo spettatore, che nello specifico è ognuno di noi, assiste all’evento impotente, in balìa di un futuro che solo con l’impegno democratico potrà non ripetere tempi di eterne sconfitte, di dolore, di vittime innocenti.

In questo senso le opere di Simonelli, nella loro desolante umanità diventano elementi di testimonianza di un male che la memoria aiuta a esorcizzare superando il disincanto di una visione di solitudine racchiusa in se stessa.

La mostra sarà visitabile presso lo Spazio Arte Carlo Farioli sino a domenica 29 gennaio 2017 nei seguenti orari: da giovedì a sabato dalle 16.30 alle 19.00. Domenica 10.30-12.00/16.30-19.00.

“O Terra di Ionia”
14 – 29 gennaio 2017
Spazio Arte Carlo Farioli – Via Silvio Pellico, 15 – Busto Arsizio (VA)
info: 388.4957878 – info@farioliarte.it
www.farioliarte.it – Facebook: Spazio Arte Carlo Farioli

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.