Medaglia d’Oro al Merito Civile per il Maresciallo Paolo Boetti

La cerimonia di consegna ai parenti del maresciallo della Guardia di Finanza è avvenuta a Roma

Paolo Boetti

Medaglia d’Oro al Merito Civile per il Maresciallo Maggiore Paolo Boetti che operò nella Guardia di Finanza di 

Il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen.C.A. Giorgio Toschi, sabato mattina a Roma ha
deposto una Corona d’Alloro presso il Sacrario del Corpo in piazza Armellini, nella ricorrenza del 72°
Anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, universalmente ricordato come il “Giorno della Memoria”.

Alla sobria ma significativa cerimonia erano presenti il Comandante in Seconda della Guardia di Finanza, Gen.C.A. Filippo Ritondale e il Capo di Stato Maggiore del Comando Generale, Gen.D. Giuseppe Zafarana, oltre ad una rappresentanza di Ufficiali, Ispettori, Sovrintendenti, Appuntati e Finanzieri.

Successivamente, si è proceduto alla consegna della Medaglia d’Oro al Merito Civile per il Maresciallo Maggiore Paolo Boetti e della Medaglia di Bronzo, sempre al Merito Civile, per il Brigadiere mare Aldo Benedettelli, eroici Sottufficiali dell’allora Regia Guardia di Finanza i quali, durante la persecuzione nazifascista, non esitarono nel mettere a repentaglio la propria vita pur di trarre in salvo altri cittadini italiani oggetto di rastrellamenti poiché professavano la religione ebraica.

Alla cerimonia di consegna delle Medaglie, tenutasi presso il Salone d’Onore della caserma “Piave” e
introdotta dalle prolusioni del Gen.C.A. (in congedo) Luciano Luciani, Presidente del Museo Storico della
Guardia di Finanza, e del Magg. Gerardo Severino, Direttore dello stesso Museo, erano presenti tra gli
altri il Presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), Dr.ssa Noemi Di Segni, i Sindaci di
Finale Emilia e di Camerano (paesi che diedero i natali ai due finanzieri decorati) Dr. Sandro Palazzi e
Dr.ssa Annalisa del Bello, nonché i docenti e gli studenti di due licei capitolini.

Il Comandante Generale, nel corso del suo intervento, prima della consegna delle Medaglie (nelle mani
della Sig.ra Maria Grazia Boetti, figlia del Mar.Magg. Paolo, e del Sig. Gianfranco Benedettelli, figlio del
Brig. Aldo), ha voluto ricordare che “il “Giorno della Memoria” rappresenta l’occasione per rivolgere un
pensiero commosso e riconoscente ai propri Caduti, ai 234 Finanzieri scomparsi nei campi di sterminio nazisti e alle altre centinaia di loro Colleghi morti per malattia subito dopo il rientro in Italia: tutti “responsabili” di non aver assecondato “il male” e, in molti altri casi, di aver salvato uomini, donne, anziani e bambini in fuga dall’odio e dalla spietata persecuzione razziale”.

Il Generale Toschi, rivolgendosi ai giovani presenti, ha poi aggiunto: “in quei momenti bui per l’intera umanità non venne meno la generosità di moltissimi uomini della Guardia di Finanza, i quali, senza sentirsi eroi e, quindi, senza l’attesa di riconoscimenti o premi, diedero aiuto ad altri uomini, purtroppo perseguitati solo a causa della propria fede religiosa o dell’appartenenza ad una stirpe”.

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 28 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.