“Milano è memoria”, l’impegno antifascista della città

Primo appuntamento: "Pietre di Inciampo”, il più grande monumento diffuso d’Europa dedicato ai deportati nei lager nazisti.

Avarie

“Milano è memoria”. È questo il titolo dell’iniziativa con cui il Comune, nel corso del 2017, ricorderà il proprio impegno antinazista e antifascista, contro violenze e soprusi, a partire dal valore principale su cui si fonda la città, medaglia d’oro alla Resistenza: la memoria.

“‘Milano è memoria’ intende essere una piattaforma in cui confluiranno tutti gli appuntamenti organizzati in città sul tema”, ha spiegato il sindaco Giuseppe Sala presentando questa mattina il progetto a Palazzo Marino, insieme alla presidente del Comitato milanese di “Pietre di Inciampo” Liliana Segre. Ha aperto l’incontro una lettura dell’attrice Franca Nuti.

“Il ricordo delle battaglie combattute dai nostri partigiani e le vittime innocenti della violenza che hanno colpito la nostra città e il nostro Paese in ogni tempo – ha aggiunto il Sindaco – non vanno né taciute né dimenticate. La memoria è una sorgente viva, che va alimentata. E lo si può fare solo promuovendo occasioni di incontro e di approfondimento, aprendo al pubblico iniziative che permettano anche ai più giovani di conoscere il passato, ciò che siamo stati e le vite di chi si è battuto per garantire democrazia, libertà e giustizia a tutti noi. ‘Milano è memoria’ vuole essere uno strumento attraverso cui veicolare i grandi valori sui quali si fonda la nostra città. Perché, al di là di ogni demagogia, senza memoria non c’è futuro”.

Il calendario degli eventi che comporranno il palinsesto di “Milano è memoria” si articolerà attorno a quattro date-simbolo:
– 27 gennaio: Giorno della Memoria
– 25 aprile: Festa della Liberazione
– 9 maggio: Giorno della memoria delle vittime del terrorismo
– 12 dicembre: Anniversario della strage di Piazza Fontana

Eventi e incontri si terranno nei giorni che precedono la data della memoria da ricordare e il giorno della ricorrenza.

Il primo appuntamento in programma è con “Pietre di Inciampo”, il più grande monumento diffuso d’Europa dedicato ai deportati nei lager nazisti. A Milano, il Comitato ha l’adesione del Comune.

In vista del Giorno della Memoria (27 gennaio), il 19 gennaio Milano ricorderà e celebrerà sei dei suoi concittadini vittima dei nazifascisti, collocando un sampietrino ricoperto di ottone, davanti alle loro abitazioni. Come per le oltre 50.000 pietre già collocate in tutta Europa, ogni sampietrino riporterà nome, anno di nascita, giorno e luogo della deportazione e data di morte.

La prima delle sei “Pietre di Inciampo” di Milano sarà installata, alle ore 12, sotto la casa di Alberto Segre, in Corso Magenta 55, come ha spiegato la figlia Liliana, ricordando la deportazione del padre e la sua morte nel campo di concentramento di Auschwitz. Seguirà la collocazione di altre cinque “Pietre di Inciampo” per: Gianluigi Banfi (via dei Chiostri 2), Adele Basevi Lombroso (via Vespri Siciliani, 71), Dante Coen (via Plinio, 20), Melchiorre De Giuli (via Milazzo, 4), Giuseppe Lenzi (via Spontini, 8).

“Le ‘Pietre di Inciampo’ – ha aggiunto il Sindaco – sono un invito tangibile a riflettere, ricordare e non dimenticare: per noi e i nostri giovani, è un dovere. Questi primi sei sampietrini dedicati ai nostri concittadini vittima dell’Olocausto, collocati davanti alle loro case, rappresentano un monito, affinché non succeda mai più“.

Il calendario degli appuntamenti per il Giorno della Memoria è disponibile online sul sito del Comune di Milano, nella pagina dedicata a “Milano è memoria”, accessibile dalla home page, e sarà aggiornato costantemente. Collegata all’iniziativa, una campagna di comunicazione su totem e schermi digitali.

Ad oggi sono in programma:

IN CORSO
· Different Wars – National School Textbooks on WWII, fino al 26 gennaio, ore 9-17, Casa della Memoria di via Federico Confalonieri 14

19 GENNAIO
· Pietre di Inciampo, ore 12.00, a partire da Corso Magenta 55 (casa di Alberto Segre)

DAL 21 AL 27 GENNAIO
“FARE MEMORIA…OGGI”
· LE MOSTRE – Casa delle Associazioni e del Volontariato di Zona 8, Villa Scheibler, in via Felice Orsini 21:
. La stampa resistente

Orari mostre: 21 e 22 gennaio, dalle ore 15.00 alle ore 18.30
Dal 23 al 27 gennaio, dalle ore 15.00 alle ore 18.00
. In ricordo di Giulio Furlai – Storia di un Partigiano

Proiezione video: 22 gennaio, ore 16.00
. I disegni dei bambini di Terezin

Orari mostra: 21 e 22 gennaio, dalle ore 15 alle ore 18.30
Dal 23 al 27 gennaio, dalle ore 15.00 alle ore 18.00

· “Una storia partigiana”, spettacolo di burattini – 24 gennaio, ore 10.30 e ore 14.00, Casa delle Associazioni e del Volontariato di Zona 8, via Felice Orsini 21.

· Presentazione lavori degli studenti per “Fare Memoria…Oggi”

25 gennaio, ore 09.00, Casa delle Associazioni Municipio 8 (via Felice Orsini, 21)

26 gennaio, ore 09.00, Casa delle Associazioni Municipio 9 (Via Bovisasca 173)

24 GENNAIO

· Dal passato al presente: i Giusti in mezzo a noi, ore 09.30, Teatro Elfo Puccini, corso Buenos Aires 33
· Presentazione del libro illustrato “Sciesopoli Ebraica-Aliyah Beth”, di ANNA SCANDELLA, ore 18.00, Casa della memoria, via Confalonieri 14
. Proiezione documentario “Arpad Weisz, dallo scudetto ad Auschwitz” di Federico Buffa, ore 20.00, Teatro Dal Verme

DAL 24 AL 30 GENNAIO

· Memorie di una Storia fatta di storie, dal 24 al 30 gennaio, mostra presso gli Aeroporti di Milano Linate e Malpensa

25 GENNAIO

· L’olocausto del popolo rom: un riconoscimento che valga per l’oggi, ore 17.00, Palazzo Marino – Sala Alessi

DAL 25 AL 27 GENNAIO

IL CAM PER IL GIORNO DELLA MEMORIA
. LA MEMORIA – 25 gennaio, ore 17.00, sede CAM di via della Pecetta
. VISITA AL BINARIO 21 – 27 gennaio, ore 10.30, Stazione Centrale
. IL MURO DELLA MEMORIA – I genocidi della Storia – 27 gennaio, ore 15.00, sede CAM di via Lampugnano

26 GENNAIO

· Viaggio a Mauthausen: il racconto degli studenti, la testimonianza della memoria, ore 09.00, Palazzo Marino – Sala Alessi
· Trofeo di calcio in memoria di Arpad Weisz, dalle ore 15.00, Arena Civica Gianni Brera
· Concerto per il Giorno della Memoria, “Quatuor pour la fin du Temps” di Olivier Messiaen, dalle 15.30 alle 17, Teatro alla Scala (Ridotto dei Palchi “Arturo Toscanini”)
· Consiglio Comunale, ore 16.30, Sala Consiglio di Palazzo Marino: l’inizio della seduta sarà dedicato al Giorno della Memoria, con saluti di e a Venanzio Gibillini, deportato, e intervento del Sindaco.
· Flash mob “Omocausto”, ore 18.00, Loggia dei Mercanti
· Milano ricorda la Shoah – Tributo a Elie Wiesel, ore 20.30, Sala Verdi del Conservatorio G. Verdi di Milano

27 GENNAIO

· Deposizione corone di fiori , ore 10.00 – ex Albergo Regina in via Silvio Pellico
. Incontro-testimonianza di Liliana Segre con gli studenti, ore 10.30, Teatro degli Arcimboldi
. Mai più: testimonianze di ex deportati, ore 11.15, Sala Conferenze di Palazzo Reale

29 GENNAIO

· Commemorazione deportazione degli ebrei, ore 18.00, Memoriale della Shoah – Binario 21 (Stazione Centrale)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.