Nonno Giovanni e il presepe lungo 20 anni

Il signor Parolin, 88 anni, ha realizzato un’opera animata con materiale di riciclo. Pellegrinaggio in via Torino

C’è un posto a Cugliate Fabiasco dove si incontrano passato e futuro, tradizione e utilità, genio e lavoro. Si tratta del presepe di via Torino, realizzato da Giovanni Parolin, 88 anni, operaio edile in pensione col pallino per le raffigurazioni della natività.

Solo che questa è un’opera che da vent’anni, e di anno in anno, viene arricchita di parti in movimento, statuine, edifici e colori.

Tutto grazie alla creatività di nonno Giovanni che anche quest’anno ha aperto la sua opera al pubblico.

Una realizzazione che regala appunto alle vecchie generazioni il sogno del Natale, e non è strano vedere i bambini degli anni ’90 portare ora i propri figli in visita a quest’opera di ingegno.

E qui l’altro valore aggiunto di questo presepe: molte delle sue componenti vengono realizzate con materiale di scarto.

Pezzi di oggetti che invece di essere in discarica tornano a vivere lanciando un messaggio ecologico e moderno: riciclare è meglio che buttare.

Ad oggi i personaggi realizzati sono una quarantina circa e raffigurano le antiche professioni artigiane.

Il presepe rimarrà aperto fino alla festa patronale del prossimo 29 gennaio dalle 10 alle 18.

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 05 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.