Spada o fioretto: giornata di scherma all’Ite Tosi

Venerdì 27 gennaio, gli studenti vivranno un'intera giornata di conoscenza e approfondimento di questa disciplina. Al fianco del Tosi la Pro Patria Scherma, il Comune e la Fondazione Merlini

scherma fioretto
scherma fioretto

Una giornata nel mondo della scherma. È l’opportunità che l’Istituto Enrico Tosi, la Fondazione Giuseppe Merlini e l’Associazione Noi del Tosi offriranno agli studenti il prossimo 27 gennaio. Si tratterà di un’intera giornata per vivere un’esperienza sportiva insolita, divertente e formativa.

La collaborazione della Federazione Italiana della Scherma e della Pro Patria Scherma, attiva in Busto Arsizio da 136 anni, rende questa giornata un evento eccezionale per la fama e il valore degli atleti nazionali che interverranno: Daniele Garozzo – Oro individuale nel Fioretto alle Olimpiadi di Rio 2016; Valerio Aspromonte – Oro a squadre Olimpiadi di Londra 2012; Carolina Erba – fiorettista campionessa mondiale a squadre nel 2013 e Alice Volpi –fiorettista campionessa europea nel 2015.

Tutti gli sport, praticati correttamente e secondo principi di lealtà e impegno, offrono ai praticanti occasioni di miglioramento e di riflessione, oltre che un’attività salutare. La scherma, tuttavia, merita un’attenzione particolare e di essere conosciuta meglio, diffusa e sostenuta tra i giovani.

La scherma, infatti, in Italia è uno sport di eccellenza: la maggior parte delle medaglie olimpiche provengono dalla scherma, sin dal suo esordio. E’ una delle poche discipline presenti da sempre nel panorama delle Olimpiadi moderne.

Ha dimostrato la sua efficacia formativa e moderna anche nei corsi di formazione aziendale, in cui le metafore sportive e schermistiche ben si adattano alla complessità delle relazioni nel mondo del lavoro, alla capacità di adattamento alle mutevoli esigenze e di mettersi in gioco in situazioni nuove prendendo decisioni rapide, con creatività, senso di responsabilità e competenza.
Sviluppa senso civico, aggregazione, integrazione, inclusione, socializzazione, rispetto delle regole.

Il 27 gennaio gli studenti del Tosi, con l’aiuto dei tecnici della Pro Patria e dei campioni, faranno un’esperienza diretta e divertente di scherma nella loro palestra, grazie all’attrezzatura messa a disposizione dalla società; visiteranno il Museo dell’Agorà della scherma dove si avvicineranno alla storia e alla cultura dell’antica arte della scherma: un’arte che ha lasciato profonde tracce negli usi, nel linguaggio, nell’arte e anche nell’immaginario collettivo. 

La giornata si concluderà alle 20.30 nell’Aula Magna del Tosi con un torneo a staffetta tra i campioni che si esibiranno e si racconteranno al pubblico presente.

I legami dell’Istituto Tosi con la Pro Patria Scherma sono da sempre molto positivi: oltre alle frequenti visite al Museo della scherma di classi di alunni italiani e stranieri, segnate da entusiasmo e partecipazione, non pochi sono stati, nel tempo, gli alunni dell’Enrico Tosi che si sono distinti in questo sport, anche a livelli altissimi. Citiamo, per tutti, il caso di Matteo Cazzani, che ha vinto anche un campionato del mondo dei giovani.

La Pro Patria, d’altra parte, ha preparato nel tempo tanti campioni, fra cui Carolina Erba, campionessa del mondo assoluta, che parteciperà alla serata conclusiva, e Daniele Crosta, unica medaglia olimpica di sempre dello sport cittadino.

Il patrocinio del Comune di Busto Arsizio riconosce l’alto valore formativo e sociale dell’evento e rende evidente che l’interazione tra Enti locali, Società sportive e Associazioni culturali è una sinergia vincente e un modello da mantenere per offrire, soprattutto ai giovani, opportunità innovative che li provochino a essere originali e proattivi.

La Fondazione Giuseppe Merlini continuerà a realizzare la sua mission anche dopo l’evento, sostenendo l’iniziale investimento in questo sport di quei ragazzi e di quelle ragazze che si saranno scoperti appassionati e vorranno praticarlo. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.