Stop alle passeggiate sul lago ghiacciato

Ieri, domenica, molte persone sono andate a camminare sulla coltre di ghiaccio, ma le temperature si stanno alzando e si stanno formando crepe pericolose. Posizionate transenne dopo che un pattinatore è finito in acqua

Cazzago Brabbia, in gita sul lago ghiacciato

Stop alle gite sul lago ghiacciato. Almeno a Cazzago Brabbia. E’ l’invito che fa il sindaco Emilio Magni dopo che ieri, nel pomeriggio, la coltre di ghiaccio che ricopre il lago ha cominciato a sciogliersi.

Galleria fotografica

Cazzago Brabbia, in gita sul lago ghiacciato 4 di 17

“Domenica c’erano molte persone a passeggiare e a pattinare sul lago. In riva lo spessore del ghiaccio è tale da potere reggere il peso di piccoli assembramenti, ma  se ci si avvicina al centro del lago, diventa pericoloso. Ieri un pattinatore è finito in acqua: niente di grave per fortuna, c’era molta gente lì attorno e lui, che si era bagnato fino alla pancia, è riuscito ad uscire da solo. Ma abbiamo provveduto subito a mettere delle transenne e a segnalare la presenza di una grossa crepa in mezzo al lago, che dalla riva non si vede”.

“Il mio consiglio è di lasciar perdere le passeggiate sul ghiaccio: le temperature sono troppo alte e non è il caso di rischiare“.

Ieri a Cazzago Brabbia c’erano famiglie e molte persone con i pattini. Un po’ come alla torbiera della Valganna, ma mentre in quella zona l’acqua è bassa e le temperature rigide garantiscono la formazione del ghiaccio, a Cazzago la situazione è diversa e il termometro in questi giorni segnerà temperature più elevate.

“Ho fatto fissare sulla riva una corda lunga 40 metri – conclude il sindaco – Nel caso ci fosse la necessità di lanciarla a chi si trova lontano dalla riva. Ma spero non serva: statevene sulla panchina e ammirate il paesaggio”.

di
Pubblicato il 30 gennaio 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Cazzago Brabbia, in gita sul lago ghiacciato 4 di 17

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.