Varese bocciata, ma il progetto per le stazioni passa

Il progetto dell'amministrazione comunale arriva 61° su 120. Il bando per le periferie finanziava solo i primi 24, ma il Governo ha previsto ulteriori fondi per la copertura di tutte le proposte

Partita la richiesta del bando per le stazioni

Sulla Gazzetta Ufficiale uscita ieri è riportato il decreto del Presidente del consiglio con cui si pubblica la graduatoria dei progetti per la valorizzazione delle periferie.

Galleria fotografica

Il progetto stazioni presentato in Fiera a Varese 4 di 6

La questione interessa direttamente anche Varese perché il Comune ha partecipato al bando con il piano per le stazioni. Ne abbiamo scritto una settimana fa spiegando la situazione. Ora con la pubblicazione della Gazzetta ufficiale c’è l’ufficialità.

Il Comune di Varese non ha vinto il bando che prevede il finanziamento di 24 progetti per un valore complessivo di 500 milioni di euro. Il progetto dell’amministrazione, per un valore complessivo di 18 milioni, volto a riordinare l’area delle stazioni, si è aggiudicato 55 punti arrivando 61° su 120.

Niente paura però perché il decreto al punto 3 dell’articolo 1 prevede che “Gli ulteriori progetti saranno finanziati con le risorse che saranno successivamente disponibili”. Una postilla per far si che dai 500 milioni già stanziati si arrivi agli oltre due miliardi e 61 milioni finanziando così i 120 progetti complessivi.

Proprio nel giorno della Befana c’è chi canta vittoria e chi invece critica l’eccessiva euforia dell’amministrazione.

La befana regala al Comune di Varese un assegno da 18 milioni di euro per l’attuazione del progetto stazioni. Finalmente con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della graduatoria dei progetti presentati ammessi che vede Varese al 61^ posto (su 120 progetti presentati), diventa realtà un finanziamento che si aspettava da tempo. La graduatoria dei progetti ammessi va letta insieme alla legge di bilancio approvata dal Governo – spiega il sindaco Davide Galimberti – in cui si conferma che il finanziamento c’è ed è realtà nonostante i tanti “uccelli del malaugurio” che speravano che Varese venisse esclusa”.

L’ex assessore Sergio Ghiringhelli è intervenuto in giornata sui risultati del bando ancor prima dell’amministrazione. “Tutti i progetti presentati dovrebbero essere, successivamente, finanziati con risorse che saranno rese disponibili.( forse). Resta il fatto, che dopo annunci e grida di vittoria, siamo riusciti a perdere il bando. Per un progetto mal fatto, e che ha preso pochi punti. Se poi, i denari arriveranno egualmente, non sara’ per meriti di Varese, ma per il solito finanziamento a pioggia, cioè premiando anche le progettualità scartate. Più lavoro di qualità e meno annunci”.

Sui futuri finanziamenti l’amministrazione comunale non ha dubbi. “Infatti il Comma 141 della Legge di Bilancio recentemente approvata dispone che: “Al fine di garantire il completo finanziamento dei progetti selezionati nell’ambito del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie della città metropolitana e dei comuni capoluogo (….) sono destinate ulteriori risorse a valere sulle risorse …”

Grande soddisfazione dunque per il Sindaco Galimberti e l’assessore Civati per essere riusciti in pochissime settimane, e senza aver ereditato a differenza di altre realtà alcun progetto da presentare, a predisporre un progetto credibile che oltre ad aver ottenuto i requisiti di ammissibilità è stato giudicato in maniera positiva. “Se solo avessimo avuto qualche settimana in più per raffinare meglio il progetto saremmo arrivati tra i primi – commenta l’assessore Civati – In questi giorni i progettisti sono già al lavoro per definire il miglior progetto possibile in vista del finanziamento”.

 

LA GRADUATORIA UFFICIALE

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 gennaio 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il progetto stazioni presentato in Fiera a Varese 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.