Varese Calcio, presto un CdA per tracciare la rotta

Le dimissioni di Ciavarrella, in rotta con Taddeo, rendono urgente il nuovo assetto. Cosa accadrà? Calzi intanto va al Bellinzona

Campagna abbonamenti 2016 per il Varese Calcio

Le fragorose dimissioni presentate sabato mattina – 28 gennaio – da Gabriele Ciavarrella hanno messo in primo piano i problemi interni alla dirigenza del Varese Calcio che, un anno e mezzo dopo la rifondazione, si trova di nuovo al centro di una crisi societaria.

Un momento difficile da cui il club biancorosso proverà a uscire al più presto: da un momento all’altro sarà convocato un nuovo consiglio di amministrazione che si terrà in settimana. Sarà quello il luogo e il momento in cui verranno delineate le strade da seguire per uscire dall’impasse che si è creata con l’addio del presidente, che resta proprietario del 14%.

LE QUOTE

La società, al momento attuale è infatti composta da cinque soggetti. La maggioranza (51%) è in mano a Paolo Basile, direttore generale ma anche tramite verso lo sponsor principale, l’azienda di orologi Gagà, il cui contributo costante non è mai venuto meno. A seguire c’è l’ultimo arrivato, Aldo Taddeo, che ha preso il 29% delle quote e che è stato il principale bersaglio dello sfogo di Ciavarrella, il quale ha appunto il 14%. La parte restante del Varese è di Enzo Rosa (5%), consigliere e fondatore oltre che esponente storico della tifoseria, e di Piero Galparoli, ormai fuori dai giochi ma ancora in possesso dell’1%.

GLI SCENARI

Cosa accadrà dunque nel CdA che sta per essere convocato? Difficile fare previsioni definitive, ma di certo Aldo Taddeo sarà chiamato a una mossa pesante nel senso che potrebbe diventare il nuovo presidente (o comunque “l’uomo forte”) facendo valere le sue quote insieme a quelle di Basile, oppure disimpegnarsi a sua volta (un incarico più in vista lo costringerebbe a mettere mano al portafoglio in modo più cospicuo) dando – così – in qualche modo ragione a Ciavarrella. Il quale, in questo caso, potrebbe anche tornare in corsa, ma evidentemente solo se Taddeo lasciasse la compagnia. Nel mezzo resta Basile, chiamato a restare a bordo in entrambi i casi salvo decisioni a sorpresa anche da parte sua: se anche il direttore generale dovesse dimettersi – ipotesi non del tutto fantasiosa – il caos sarebbe davvero preoccupante.

IL BORSELLINO

Da Masnago, dove oltre allo stadio si trova la sede del club, si guarda al futuro senza drammi almeno dal punto di vista monetario. Se è vero che qualche ritardo nei rimborsi c’è stato, è altrettanto vero che la società è sempre attiva sul fronte del reperimento dei fondi: qualora gli accordi con Taddeo venissero meno, si andrebbe a bussare ad altre porte, ma da qui a fine stagione non ci dovrebbero essere scosse telluriche profonde. Esiste, è vero, un debito verso la Macron, azienda che fornisce il materiale tecnico (ne ha parlato la Gazzetta di domenica 29), anche se a quanto pare la messa in mora per 35mila euro non è stata ancora richiesta (da parte di un soggetto terzo). Ma, ci permettiamo di dire, la cifra non dovrebbe rappresentare uno scoglio per un club che – nelle dichiarazioni – ambisce a tornare tra i professionisti.

LA SQUADRA

Dopo il pareggio di Borgosesia (utile ma non brillante) intanto, la squadra di Baiano ha avuto il classico giorno di riposo. Lo staff resta in attesa di notizie sull’infortunato Gazo mentre nel frattempo Calzi è stato liberato e si accaserà al Bellinzona. In vista c’è un’altra trasferta, domenica 5 sul campo dell’Oltrepovoghera dove potrebbe esserci l’esordio di Gucci, centravanti prelevato dall’Alma Fano e pezzo pregiato arrivato dal mercato invernale.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2017
Leggi i commenti

Video

Varese Calcio, presto un CdA per tracciare la rotta 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.