In più di 70 vogliono guidare la funivia “Curriculum anche dalla Sicilia”

Oggi scaduti i tempi per la presentazione delle candidature. “Prima dell’esame vogliamo far vedere a tutti come funziona il nostro lavoro”

funivia monteviasco 3
funivia monteviasco 3

La funivia Ponte di Piero – Monteviasco ha oltre 70 pretendenti: tutti la vogliono guidare.

Dopo la pubblicazione dell’annuncio e l’interessamento della stampa, anche nazionale, sulla curiosa posizione aperta dalla cooperativa Au Suriv, che si occupa della gestione dell’impianto, è boom di richieste.

«Ne sono arrivate una settantina via mail, oltre a 4 cartacee – racconta Alessio Calebasso dalla funivia – . Abbiamo letto per ora le prime righe di presentazione delle mail ma non i contenuti dei curriculum».

E da dove arrivano le richieste di lavoro? «Molte da Varese e dalla provincia, ma anche da lontano – spiega il tecnico – . Alcune sono giunte dal Trentino. Ma ce ne sono anche da Modena, dalla Sicilia e dalla Calabria. Un altro fatto singolare è l’età di molte delle persone che hanno mandato la candidatura: tante tra i 50 e 60 anni, specchio dei nostri tempi».

Ma guidare la funivia è un lavoro preferito dagli uomini, o ci sono anche donne che lo fanno? «No, no abbiamo e abbiamo avuto tante donne che hanno lavorato qui. Ma le richieste pervenuteci sono pochissime».

Quindi a breve si apriranno le buste. E poi? Che succederà?
«Faremo una prima scrematura – conclude Alessio – . Poi mostreremo ai rimanenti candidati in cosa consiste il nostro lavoro. La figura richiesta è quella di “Agente di stazione e macchinista”. In seguito ci sarà un colloquio e una prova pratica alla presenza di un “direttore d’esercizio”. Si tratta di un ingegnere abilitato dal ministero dei Trasporti, un professionista nominato da noi».
In bocca al lupo.

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.